Coronavirus, due raccolte fondi per supportare chi è in prima linea

Due le iniziative locali per aiutare gli ospedali a gestire l'emergenza collegata al Coronavirus. Le donazioni vengono raccolte sulla piattaforma Gofundme

Dare un aiuto concreto. E' questo l'obiettivo delle due raccolte fondi lanciate oggi sulla piattaforma Gofundme per aiutare gli ospedali locali a gestire l'emergenza collegata al Coronavirus. Due appelli che vogliono dimostrare la loro vicinanza a chi ogni giorno è in prima linea.

"Sosteniamo la terapia intensiva in FVG"

"Sosteniamo la terapia intensiva in FVG" è una raccolta fondi avviata da Chiara Marchi, Claudia Guido, Michele Grimaz, Roberta Del Prete e Valentina Sivec, cinque triestini che, con questa iniziativa, vogliono sostenere i reparti di terapia intensiva degli ospedali di Trieste, Gorizia, Monfalcone, Udine. 

"La mancanza di posti letto, macchinari, ventilatori e personale sanitario è un' urgenza evidente e a cui in questo momento siamo tutti molto sensibili - si legge nel sito dedicato al crowfunding -. Il nostro intento è quello di rendere la raccolta più efficace e trasparente possibile, per questo motivo abbiamo contattato le direzioni generali delle due aziende sanitarie per poter donare il ricavato in maniera sicura e tracciata. Al tal fine, ci stiamo organizzando per aprire un conto corrente sociale dedicato. Siamo in contatto con l'avvocato dell'Azienda Sanitaria Giuliano Isontina e abbiamo avuto conferma della possibilità di poter aiutare concretamente i reparti sul territorio di competenza".

"Aiutiamo gli ospedali: Monfalcone, Gorizia, Trieste"

L'altra campagna è nata nell'area giuliano isontina. Ad averla avviata Alessia Cossi, medico 28enne di Gorizia, e Giulio Lizzi. "In questi giorni ci siamo accorti che molte persone della nostra regione avevano iniziato a fare donazioni agli altri ospedali, ma se c'è un'effettiva emergenza è necessario attivarsi anche qui – ha dichiarato Alessia –. Sono gesti che vanno fatti e sono giusti, ma volevamo fossero più funzionali. Non c'erano iniziative locali, così abbiamo contattato l'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina e abbiamo avviato la raccolta fondi, anche in previsione di un picco di contagi".

"La situazione d'emergenza sanitaria nazionale e non solo, purtroppo – scrivono gli ideatori sulla piattaforma Gofundme – ci porta a supportare le strutture locali, come hanno fatto altrove per altri ospedali. Nessuno può sapere come evolverà la situazione COVID-19 nelle prossime settimane: il momento di agire è ora e anche una piccola donazione può fare la differenza"

Come donare

Per donare vi basterà collegarvi a questo link  per la raccolta fondi Aiutiamo gli ospedali: Monfalcone, Gorizia, Trieste", e a questo link per la raccolta "Sosteniamo il reparto di terapia intensiva in FVG". Accedendo direttamente alla campagna, sarà possibile fare una donazione minima di 5 euro. L'intero importo raccolto verrà devoluto all'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (ASU GI)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento