Cronaca

Raccolta funghi e asparagi: la Croazia abolisce licenze, libertà per i raccoglitori

Per chi opera a uso personale non saranno più richiesti i permessi. Provvedimento attivo da febbraio

Saranno abolite le licenze a pagamento, introdotte quattro anni fa, per la raccolta a uso personale di piante e frutta in Croazia. Questo significa che ci sarà nuovamente piena libertà per i raccoglitori, anche stranieri. Lo annuncia il ministro croato dell'Agricoltura, Tomislav Tolusic, e il provvedimento sarà attivo da febbraio. Via libera, dunque, per tutti coloro che vorranno recarsi in Croazia in cerca di funghi, asparagi, fragole e frutti di bosco.

Attualmente e negli ultimi quattro anni, le guardie forestali croate erano autorizzate a emettere sanzioni in assenza della licenza, tariffata a 10 kune (1,34 euro) se valevole per un giorno, 70 kune (9,4 euro) per una settimana e  150 kune (20 eruro) per un mese. Per quanto riguarda gli asparagi selvatici, si prevede un tetto massimo di 2 chili giornalieri.

Sembrerebbe che queste misure non abbiano portato ai risultati auspicati in termini di rientro economico, nonostante le multe fino a 7mila kune (940 euro), e quindi i raccoglitori abituali avrebbero ignorato deliberatamente la richiesta dei permessi. Da qui, forse, l'abolizione delle licenze, che potrebbe portare alla modifica dei limiti di raccolta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta funghi e asparagi: la Croazia abolisce licenze, libertà per i raccoglitori

TriestePrima è in caricamento