rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Le indagini

Racket di pneumatici da Trieste alla Serbia: quattro nei guai, coinvolti tre gommisti

Le indagini sono state condotte dal Nucleo di Polizia Ambientale della Polizia Locale di Trieste e coordinate dal sostituto procuratore Federico Frezza. Una possibile movimentazione di circa 200 pneumatici fuori uso nell'arco di due mesi. Tanti abbandonati in via Rio primario

TRIESTE - Verso la metà dello scorso ottobre, in seguito al ritrovamento di numerosi pneumatici fuori uso, abbandonati in via Rio Primario, il Nucleo di Polizia Ambientale della Polizia Locale avviava alcune indagini coordinate dal Sostituto Procuratore dott. Frezza e risaliva a tre società di gommisti triestini, quali originari detentori degli pneumatici abbandonati. Successivi appostamenti permettevano di individuare un uomo (M.G. le sue iniziali) che con cadenza quasi quotidiana, si recava da questi gommisti per ritirare - con il loro consenso - gli pneumatici obsoleti e portarli in un garage: nottetempo, però, M.G. caricava nuovamente parte delle gomme sul suo mezzo e le abbandonava in via Rio Primario a bordo strada.

Le operazioni di pedinamento consentivano anche di verificare la cessione di 16 pneumatici da parte di M.G. ad un altro uomo: questi, fermato prima di lasciare il territorio Italiano, riferiva di fare da tramite tra M.G. e alcune officine in Serbia che acquistavano gli pneumatici per poi rivenderli. Il carico di gomme veniva posto sotto sequestro. La Procura della Repubblica predisponeva quindi le perquisizioni dei gommisti triestini e di M.G. nel corso delle quali raccoglievano diversi elementi probanti la possibile quotidiana cessione degli pneumatici fuori uso da parte degli imprenditori che, si presuppone, li affidassero all'uomo invece di smaltirli mediante società autorizzate. 

Il garage di M.G. fungeva da deposito che con cadenza periodica veniva svuotato: le gomme poi, venivano plausibilmente destinate al riciclo sul mercato serbo o abbandonate su strade periferiche come via Rio Primario. Una possibile movimentazione di circa 200 pneumatici fuori uso nell'arco di due mesi: 30 di questi, abbandonati lungo le strade cittadine, sono stati recuperati; altri 100, stipati nel garage, posti sotto sequestro. Sequestrato ai fini della confisca anche il veicolo utilizzato da M.G. per trasportare il materiale. Denunciati a piede libero, per gestione illecita di rifiuti, M.G. e i titolari delle imprese cittadine coinvolte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racket di pneumatici da Trieste alla Serbia: quattro nei guai, coinvolti tre gommisti

TriestePrima è in caricamento