Cronaca

Somministrazione lavoro in FVG, il Consiglio di Stato dà ragione a Randstad

La sentenza arrivata il 18 gennaio. La gara bandita dalla Regione nel 2016 e vinta in prima istanza da Umana, era rimasta "bloccata" fino alla scorsa settimana. Lo studio Brugnoletti e Associati, legale di Randstad: "Finalmente la conclusione"

Il Consiglio di Stato dà ragione all'agenzia del lavoro Randstad nel contenzioso con la concorrente Umana S.p.A. per la somministrazione lavoro bandita dalla Regione Friuli Venezia Giulia nel 2016. La vicenda giudiziale, seguita dallo studio legale Brugnoletti & Associati con sedi a Roma e Milano, aveva riguardato l'offerta formulata al tempo proprio da Umana che, secondo lo studio legale, "aveva dichiarato di eseguire in proprio tutto il processo delle attività, affidando tuttavia a soggetti terzi la formazione del personale somministrato". 

Una commessa da 15 milioni 

Questa impostazione è stata "censurata sia dal Tar che dal Consiglio di Stato. Essa generava l'illegittimo effetto di coinvolgere in una commessa pubblica soggetti estranei alla gara, dei quali la Regione non aveva verificato i requisiti soggettivi e professionali". "La procedura - come si legge nella nota dei legali di Randstad - del valore di 15 milioni di euro, la commessa economicamente e strategicamente più importante di tutto il nordest, vede finalmente la sua conclusione". 

La decisione arrivata una settimana fa

La sentenza in questione è la 471 del 18 gennaio 2019 e la pubblicazione è apparsa solamente oggi. Cosa cambia da oggi in poi? "Da adesso - conclude la nota - tutti gli enti del Friuli Venezia Giulia potranno legittimamente attivare i contratti di somministrazione ed assicurare con maggiore efficacia i servizi per la comunità". La decisione del CDS conferma le conclusioni a cui era giunto il TAR di Trieste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Somministrazione lavoro in FVG, il Consiglio di Stato dà ragione a Randstad

TriestePrima è in caricamento