rotate-mobile
Cronaca

Rapina in Piazza Garibaldi

Ha terrorizzato la giovane dipendente della sala slot machines di piazza Garibaldi puntandole addosso un coltello, le ha intimato di consegnargli l'incasso di 12mila euro, poi l'ha afferrata al collo e l'ha spinta dentro ilbagno, chiudendola a...

Ha terrorizzato la giovane dipendente della sala slot machines di piazza Garibaldi puntandole addosso un coltello, le ha intimato di consegnargli l'incasso di 12mila euro, poi l'ha afferrata al collo e l'ha spinta dentro il
bagno, chiudendola a chiave prima di darsi alla fuga.
E' successo questa notte in una zona della città non nuova ad episodi di violenza e criminalità.
A dare l'allarme al 113 è stato il compagno della ventenne che era andato a prenderla per accompagnarla a casa, trovando la porta d'ingresso aperta e la ragazza chiusa nella toilette in preda al panico.

Il rapinatore, che ha agito con il volto coperto da un passamontagna, ha atteso l'orario di chiusura quando la dipendente è rimasta sola all'interno dello Slot Casinò Garibaldi.
Poi ha bussato alla porta chiusa, facendosi aprire.
Quindi ha agito con sicurezza, facendosi riempire di contanti una borsa di pelle nera, sfruttando lo schock della ragazza.
Sul posto sono intervenuti gli uomini della Squadra Mobile e la Scientifica.
Il malvivente, però, sembra non aver lasciato tracce. E serviranno a poco anche le immagini della telesorveglianza interna del minicasinò, visto che il volto dell'uomo era completamente celato.

Potrebbero risultare più utili, invece, quelle del Comune, piazzate sui semafori, se dovessero rivelare la presenza di complici o del mezzo con cui si spostava il rapinatore.
Si tratta del secondo colpo in pochi mesi ad una sala slot machines, l'ultima volta a pagare fu il minicasinò di via San Francesco, ubicato di fronte agli uffici della Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in Piazza Garibaldi

TriestePrima è in caricamento