"Da Lina", a San Giacomo la Mecca per gli amanti dei ravioli cinesi

"Da Lina", ristorante che ha aperto i battenti qualche mese fa, offre ben 13 tipi di ravioli, tutti fatti rigorosamente a mano

Amanti dei ravioli cinesi e della buona cucina, da qualche mese è arrivata in città la ravioleria "Da Lina". Aperto da pochi mesi in via S. Giacomo in Monte al civico 18,  "Da Lina" offre ben 13 varietà di ravioli, tutti fatti rigorosamente a mano. Il ristorante con 40 posti a sedere ricco di dettagli dall'Oriente, conquista non solo per la buona cucina, ma anche per il calore e l'energia di Lina, la vulcanica 48enne alla guida di questa attività: "Ho imparato a fare i ravioli quando ero giovane, quasi vent'anni fa. Amo cucinare perchè amo mangiare, proprio per questo ho sempre sperimentato per conto mio. L’idea di avviare un’attività incentrata sui ravioli è nata quando ho scoperto che piacevano non solo agli amici cinesi, ma anche a moltissimi amici italiani!".

I ravioli sono serviti con la classica salsa di soia, salsa piccante e agrodolce. Oltre ai diversi ripieni (carne, pesce e specialità per i vegetariani), potete scegliere anche la cottura: al vapore o alla piastra.
Tra i piatti inseriti nel menù, ci sono anche gli udon, spessi spaghetti di grano duro serviti saltati con verdure, pollo o gamberi, i noodles, riso saltato di Yang Zhou o con senape cinese, gamberi piccanti, verdure con tofu o saltate e diverse specialità giornaliere.

PHOTO-2018-10-23-19-56-06-2

PHOTO-2018-10-23-20-01-25(1)-2

PHOTO-2018-10-23-20-01-25-2

PHOTO-2018-10-23-19-56-05-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento