"Razza" in Ponterosso: in corso monitoraggi dalla Riserva di Miramare

L'esemplare compie da giorni traiettorie circolari, sia per gli ostacoli nel canale, sia perché potrebbe essere debilitata. Trasportarla in mare aperto potrebbe peggiorare le sue condizioni

Le pastinache (o trigoni) sono specie abbastanza frequenti nel Golfo di Trieste.  L'esemplare, avvistato e segnalato diverse volte mentra nuotava nel canale di Ponterosso, è oggetto di quotidiane osservazioni da parte del personale della riserva marina di Miramare.

Le continue traiettorie circolari che sta compiendo da giorni sono dovute molto probabilmente sia agli ostacoli presenti nel canale che a un suo possibile stato di debilitazione. Al momento però il bacino protetto e semichiuso del canale del Ponterosso rappresenta una sorta di stabulario naturale dove tenenere sotto osservazione l’esemplare: un’eventuale cattura infatti, oltre ad apportare possibili danni alla pastinaca, porrebbe il problema di dove mantenerla per le eventuali successive cure e problematiche di mantenimento. 

Oltre al monitoraggio che si sta eseguendo, sono in atto diverse consultazioni con tecnici locali per capire eventuali ulteriori interventi coordinati. Il ritorno naturale e autonomo della pastinaca in mare aperto rimane ovviamente la soluzione migliore da attendendersi e auspicare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

Torna su
TriestePrima è in caricamento