rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

Regione Chiede di Inserire Ferriera nel Decreto Sviluppo del Governo

La Regione chiederà al Governo nazionale di inserire anche la siderurgia triestina tra i casi di "crisi industriale complessa", in base all'articolo 27 del Decreto sviluppo, in modo da accedere agli strumenti di riqualificazione e rilancio...

La Regione chiederà al Governo nazionale di inserire anche la siderurgia triestina tra i casi di "crisi industriale complessa", in base all'articolo 27 del Decreto sviluppo, in modo da accedere agli strumenti di riqualificazione e rilancio previsti dalla legge.
Gli uffici stanno preparando la relativa delibera, che sarà approvata nella prima riunione utile di Giunta.

Ad annunciarlo è stata Sandra Savino, assessore regionale alle Finanze e Programmazione, che oggi a Trieste, nella sede della Presidenza, ha coordinato una riunione del Tavolo sulla Ferriera di Servola, presenti le istituzioni (Comune, Provincia, Prefettura, Autorità portuale) e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, di Confindustria e delle altre associazioni imprenditoriali.

Dalla riunione è stata confermata la forte unità d'azione delle istituzioni, nella consapevolezza del progressivo aggravamento della situazione di emergenza della Ferriera e della Sertubi, sia dal punto di vista societario e industriale, sia ambientale.

Dall'incontro è emersa la volontà di riportare la questione di Trieste al Tavolo nazionale sulla siderurgia, sottolineando come le conseguenze per la città di una chiusura della Ferriera e della Sertubi sarebbero analoghe a quelle dell'Ilva per Taranto e della Lucchini per Piombino. Altrettanto importanti saranno, è stato detto, i contatti con il ministero dell'Ambiente, per confermare gli impegni sulla questione delle bonifiche dell'area industriale di Servola.

L'assessore Sandra Savino ha anche ricordato l'importanza di inserire la vicenda triestina all'interno del Piano europeo per la siderurgia, che prevede specifici finanziamenti per le ristrutturazioni. Secondo l'assessore, è necessario nello stesso tempo imprimere un'accelerazione, d'intesa fra tutte le istituzioni, al Piano di azione per definire, assieme alla fase di transizione fino al 2015, anche gli scenari di sviluppo futuri dell'area.

I partecipanti al Tavolo di oggi hanno anche condiviso la necessità di richiamare la proprietà della Ferriera, il Gruppo Lucchini, alle sue responsabilità nella gestione della crisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Chiede di Inserire Ferriera nel Decreto Sviluppo del Governo

TriestePrima è in caricamento