Cronaca

Voglia di Istria? Tutte le regole per andare e tornare in sicurezza

Cos'è cambiato dal 28 maggio 2021 e cosa è necessario fare al rientro in Italia. Gli orari di apertura di ristoranti e bar

Rispetto ad una settimana fa, le condizioni per entrare nel territorio croato non sono cambiate. L'unica novità che è stata introdotta è legata all'età dei bambini che sono esentati dall'obbligo di presentare l'esito negativo al tampone o della misura dell'autoisolamento: ora infatti è passata dai 7 ai 12 anni. Naturalmente i genitori che li accompagneranno, come tutti coloro che vorranno oltrepassare il confine, dovranno soddisfare una delle seguenti condizioni:

  • presentare l’esito negativo al tampone per SARS CoV-2 effettuato nelle ultime 48 ore tramite il metodo PCR oppure tramite il metodo antigenico rapido
  • presentare il certificato di vaccinazione se sono trascorsi 14 giorni dalla somministrazione della seconda dose del vaccino anti Covid, oppure dalla prima dose per i vaccini che vengono somministrati in un’unica dose.
  • presentare l'esito positivo al tampone effettuato tramite il metodo PCR oppure tramite il metodo antigenico rapido, con il quale si conferma che la persona ha superato l'infezione da virus SARS-CoV-2 e che il test è stato effettuato nel periodo che va da 180 a 11 giorni prima dell'arrivo al valico di frontiera, oppure presentando il relativo certificato medico per chi ha superato la malattia da Covid-19

Se nessuna delle sopra indicate condizioni non dovesse essere soddisfatta, è obbligatorio l'autoisolamento di una durata di 10 giorni dall'entrata nella Repubblica di Croazia, oppure fino all'ottenimento dell'esito negativo al tampone per SARS CoV-2

Bar e ristoranti

Per quel che concerne i servizi di ristorazione, sono consentiti il servizio ai tavoli all'aperto, la consegna a domicilio e l'asporto. L'orario di apertura è limitato alle 23. Dal 28 maggio è permesso consumare anche all'interno dei locali rispettando le misure epidemiologiche (due metri di distanza).

Ingresso in Italia

Per tutti coloro che hanno soggiornato o transitato nel territorio croato, la normativa prevede che al rientro in Italia sia obbligatorio:

  • presentare la certificazione verde da cui risulti che ci si sia sottoposti a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia con esito negativo
  • compilare il Passenger Locator Form – Modulo di localizzazione digitale - prima dell’ingresso in Italia.  Il modulo sostituisce l’autodichiarazione resa al vettore 
  • comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio il proprio ingresso (Consulta la pagina: COVID-19 Numeri verdi e informazioni regionali

La mancata presentazione della certificazione verde recante il risultato negativo del tampone di cui sopra comporta i seguenti obblighi:

  • isolamento sanitario per dieci giorni presso l’indirizzo indicato nel modulo di localizzazione digitale
  • tampone al termine dell’isolamento di dieci giorni.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voglia di Istria? Tutte le regole per andare e tornare in sicurezza

TriestePrima è in caricamento