Cronaca

Fvg in zona bianca: cosa si può fare e cosa no

In fascia bianca riaprono praticamente tutte le attività, ci sono anche regole diverse per spiagge, ingresso nei mercati, anche se la novità più importante riguarda il coprifuoco. Tutto fermo restando le più basilari indicazioni su mascherine e distanziamento sociale

Foto Aiello

Che il paese stesse andando verso un continuo calo dei contagi si sapeva, tanto che molte regioni ambivano ad entrare nella zona bianca e così sarà già da lunedì perché, entro oggi, il ministro firmerà l’ordinanza che farà entrare nell’area col minor rischio di contagio Molise, Sardegna e Friuli Venezia Giulia. Tutte le altre regioni e province autonome sono in area gialla. Ma non è detto che le cose non debbano cambiare a breve perché sono molti i territori che vedono calare contagio, casi e ospedalizzazioni e che ambiscono ad allentare tutto. Dunque vediamo che cosa si può fare e cosa no in zona bianca. Intanto riaprono tutte le attività economiche:

  • fiere;
  • piscine al chiuso (soltanto dal 1°luglio per le zone gialle);
  • centri termali e centri benessere casinò (soltanto dal 1°luglio per le zone gialle);
  • congressi e convegni casinò (soltanto dal 1°luglio per le zone gialle);
  • matrimoni (in zona gialla sarebbero potuti partire dal 15 giugno);
  • eventi sportivi aperti al pubblico in impianti al chiuso e all’aperto casinò (soltanto dal 1°luglio per le zone gialle);
  • sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò casinò (soltanto dal 1°luglio per le zone gialle);
  • fiere ed esposizioni (in zona gialla sarebbero potuti partire dal 15 giugno). 

Regole e divieti della zona bianca

In zona bianca non c'è più coprifuoco, ma resta solo l'obbligo di mascherina e distanziamento. Dunque è opportuno ricordare che le regole basilari per evitare il contagio restano sempre valide. L’obbligo della mascherina non è previsto per:

  • bambini sotto i 6 anni di età;
  • persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina;
  • operatori o persone che, per assistere una persona esente dall’obbligo, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).

Inoltre, non è obbligatorio indossare la mascherina, sia all’aperto che al chiuso:

  • mentre si effettua l’attività sportiva;
  • mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
  • quando si sta da soli o esclusivamente con i propri conviventi.  

In zona bianca non sono previsti ingressi contingentati nei mercati all’aperto e sulle spiagge libere. Nelle zona bianca possono riaprire anche le discoteche ma senza ballare. Si potrà ascoltare la musica, mangiare e bere. Ma sarà vietato ballare. I governatori di Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna (che saranno le prime regioni a passare in zona bianca a breve) starebbero lavorando ad alcune ordinanze regionali che prevedono di riaprire anche le discoteche: il provvedimento prevede che i gestori delle discoteche saranno autorizzati a lavorare solo per i servizi di bar e ristorante: non sarà quindi possibile ballare in pista. Ma con i dati in costante miglioramento il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo apre alle discoteche, chiedendo di valutare i protocolli per l'eventuale ripartenza e la possibilità di somministrare il vaccino ai più giovani all'interno dei locali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fvg in zona bianca: cosa si può fare e cosa no

TriestePrima è in caricamento