menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Relazioni internazionali, Fedriga: «Continuità nella conduzione dell'Ince»

«Necessità di un impegno politico e di una visione condivisa tra i nostri Paesi»

«Auspico per la conduzione dell'Ince quella stessa linea di continuità che ne ha contraddistinto l'operatività fino a oggi». Così il governatore della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenuto ieri a Trieste alla riunione del Comitato dei coordinatori nazionali dell'Iniziativa centro europea (Ince), Forum intergovernativo di cooperazione regionale il cui Segretariato generale ha sede nel capoluogo giuliano e conta 18 Paesi membri, di cui 10 dell'Unione europea (Austria, Bulgaria, Croazia, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Ungheria), 5 inclusi nelle future prospettive di allargamento (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Montenegro, Serbia) e 3 beneficiari di politiche di vicinato (Bielorussia, Moldova e Ucraina).

Il governatore - rimarcando di aver tenuto a sé la delega agli Affari internazionali - dopo aver espresso parole di stima e di apprezzamento per il lavoro svolto dal segretario generale dell'Ince, l'ambasciatore Giovanni Caracciolo di Vietri, ha sottolineato l'indirizzo della Regione affinché lo stesso Caracciolo porti a termine il proprio mandato fino a scadenza naturale (31 dicembre 2018).
A tal riguardo Fedriga ha ricordato come la Regione non abbia mancato in passato «di dare quel doveroso e convinto supporto, anche in termini finanziari, a questa organizzazione sia nelle sue attività ordinarie sia nello sviluppo di iniziative di altissimo profilo istituzionale». In questo senso il governatore ha fatto riferimento, tra le altre, all'evento dedicato alla Via della Seta che portò a Trieste nel 2016 la massiccia presenza di operatori economici internazionali e di istituzioni diplomatiche e intergovernative.

Venendo al tema della stabilità e dello sviluppo dell'area Centroeuropea, il governatore ha rilanciato le necessità di «un impegno politico e di una visione condivisa tra i nostri Paesi, per continuare lavorare congiuntamente ad uno spazio unitario che sappia coniugare nella vita reale dei cittadini democrazia, libertà e sicurezza».
«Credo - ha concluso Fedriga - che il lavoro dei Coordinatori nazionali sia essenziale per il successo del prossimo incontro dei Ministri degli Esteri a Spalato e per elaborare un esaustivo piano di azione che dia nuovo slancio all'attività dell'Ince nel prossimo futuro».
Alla riunione ha partecipato anche l'ex sottosegretario agli Esteri, Roberto Antonione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, il Friuli Venezia Giulia rimane in zona gialla

  • Cronaca

    Porto vecchio: variante urbanistica nell'Accordo di programma, sì agli investimenti

  • Cronaca

    Presidente del Consiglio regionale positivo al Covid: "Sto bene"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

  • Arredare

    Letto con box contenitore: modelli, costi e vantaggi

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento