Cronaca

Acqua di rubinetto? Online il report che racconta la qualità dell'acqua bevuta dai triestini

Online l’11° edizione del report, con i dati del 2018, che rendiconta la qualità dell’acqua potabile nel territorio triestino servito da AcegasApsAmga: circa 50 analisi effettuate ogni giorno e risultate conformi alla legge nel 100% dei casi.

Più di 900 km di rete acquedottistica, oltre 230 mila cittadini serviti, 50 analisi al giorno risultate conformi nel 100% dei casi. Sono questi i numeri che spiccano nel nuovo report In buone acque di AcegasApsAmga, che rendiconta i dati quantitativi e qualitativi delle analisi effettuate sulle acque della rete triestina e di tutto il territorio servito da AcegasApsAmga nel corso del 2018. Il report, disponibile sul sito della multiutility, racconta con trasparenza le origini dell’acqua che sgorga tutti i giorni dai rubinetti di casa e i motivi economici ed ambientali per i quali conviene berla. Sul sito aziendale www.acegasapsamga.it è possibile consultare il report in forma sintetica e analitica per scoprire da dove proviene l’acqua del rubinetto dei triestini e la sua qualità. Tutti i dati contenuti nel report sono verificati dall’ente di certificazione indipendente DNV GL.

I motivi per bere l’acqua di rubinetto

All’interno del report è presente una sezione dedicata ai motivi per i quali conviene bere l’acqua di rubinetto, portando alla luce gli aspetti economici ed ambientali del consumo di acqua di rete in confronto a quella in bottiglia. L’acqua di rubinetto è soprattutto comoda, in quanto sgorga direttamente dal rubinetto di casa, ed economica, consentendo di risparmiare quasi 440 euro l’anno rispetto all’acqua in bottiglia. Inoltre è buona, in quanto è oligominerale e a basso contenuto di sodio. Per eliminare il sapore di cloro, è sufficiente riempire una caraffa di acqua e lasciarla riposare, meglio se in frigo. Infine è sicura, a Trieste vengono fatte oltre 17 mila analisi ogni anno con la collaborazione di AsuiTS.

L’Acquologo: l’app a portata di mano che spiega tutto il servizio idrico

Conoscere i valori medi della qualità dell’acqua del rubinetto di casa o segnalare una perdita in strada è sempre possibile grazie all’Acquologo, l’app gratuita sviluppata da AcegasApsAmga, grazie alla collaborazione con il Gruppo Hera, e disponibile per i sistemi operativi iOS, Android e Windows Phone. Sono molte le funzioni disponibili sull’Acquologo che permette inoltre di inviare via smartphone la lettura del proprio contatore idrico o di essere avvisati tempestivamente in caso di momentanea interruzione dell’erogazione dell’acqua per lavori programmati.

I numeri dell’acquedotto triestino

All’interno del report, grazie ad un’infografica facile e intuitiva, è possibile avere una visione immediata della rete acquedottistica di Trieste che serve complessivamente 234.638 cittadini, attraverso una rete di 910 Km in cui, nel 2018, sono stati immessi 40,7 milioni di mc di acqua. L’acqua in bottiglia e l’ambiente L’Italia risulta essere al terzo posto nella classifica mondiale per consumo pro capite di acqua in bottiglia e solo il 10% delle bottiglie è in vetro, mentre solo il 40% delle bottiglie di plastica viene riciclato. Purtroppo le bottigliette di acqua sono il rifiuto plastico abbandonato più presente nelle spiagge e nelle città, e per questo la direttiva europea ha fissato un obiettivo di raccolta del 90% entro il 2025. Sempre per il 2025 il 25% delle bottiglie di plastica dovrà essere fatto di materiali riciclati, cifra che deve arrivare al 30% per il 2030.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua di rubinetto? Online il report che racconta la qualità dell'acqua bevuta dai triestini

TriestePrima è in caricamento