Cronaca

Riaperto dopo 11 anni il caso dell'omicidio del tassista Bruno Giraldi: ritrovata l'arma del delitto

9.10 - In carcere, a scontare 18 anni di reclusione, Fabio Buosi, ma ora gli inquirenti indagano su un'altra persona

L'omicidio a Trieste del tassista Bruno Giraldi, nel novembre del 2003, torna nuovamente a far parlare di se: è stata infatti ritrovata l'arma che uccise l'uomo, una Beretta calibro 7.65, e con questa è stata individuata la persona che avrebbe premuto il grilletto contro la nuca del 50enne tassista.

Per il crimine era già stato condannato il cameriere triestino Fabio Buosi, a 18 anni di reclusione - ora in semilibertà vigilata -, ma a questo punto il caso potrebbe essere riaperto: infatti gli inquirenti avrebbero incirmitato per omicidio il possessore dell'arma, ma per ora non sono state diffuse le sue generalità.

Il nuovo fascicolo, per fare completa chiarezza, è stato aperto dal sostituto Procuratore Federico Frezza: la Beretta è stata individuata in un'operazione di Polizia indipendente e al momento del sequestro è stata riscontrata la perfetta coincidenza tra con il bossolo trovato all'interno del taxi incendiato della vittima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaperto dopo 11 anni il caso dell'omicidio del tassista Bruno Giraldi: ritrovata l'arma del delitto

TriestePrima è in caricamento