menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, Riccardi: "Vicino il rallentamento dei contagi, decessi sotto la media nazionale"

Il vicegovernatore: "Preoccupa comunque pressione sugli ospedali. Alto il rapporto tamponi - popolazione rispetto ad altre regioni"

"Il quadro epidemiologico in Friuli Venezia Giulia registra un incremento dell'andamento della curva del contagio del 2% che è in calo se comparato con le ultime 3 settimane quando i dati registravano +37%, +38% e +57%. Ci aspettiamo, quindi, una conseguente flessione anche se, inevitabilmente, ancora cresce la domanda ospedaliera". Ne ha dato conto oggi in Consiglio regionale il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, rilevando come "il quadro dell'epidemia è alto ma è coerente con l'andamento della gran parte del Paese".

Sotto la media nazionale

Pur sottolineando che le spiegazioni puntuali verranno fornite in sede di commissione consiliare, Riccardi ha voluto soffermarsi sul quadro regionale e sugli aspetti legati agli strumenti di valutazione della pandemia. "In questa regione la sorveglianza sanitaria è molto alta e se guardiamo oltre al dato puro sulla mortalità e sull'andamento del contagio - ha riferito -, se esaminiamo il numero dei tamponi, il rapporto fra questi e la popolazione e il rapporto fra la mortalità e i positivi rilevati, in certi casi ci troviamo al di sotto della media nazionale per il 2020 e per il primo trimestre di quest'anno".

Alto il rapporto tamponi - popolazione

Nel dettaglio, nel 2020, il rapporto fra numero di tamponi e popolazione, vede una media italiana di 44.597 tamponi ogni 100mila abitanti contro i 77.356 tamponi ogni 100.000 abitanti del Fvg. "Ciò significa - ha detto il vicegovernatore - che quando si va a cercare l'infezione la si trova e se la si cerca meno è evidente che la si trova con una percentuale minore". Sul rapporto fra i casi positivi e i tamponi, nel 2020 la media italiana è al 7,9% mentre il Fvg con il 5,4% è la penultima regione dopo la provincia autonoma di Trento. Quanto ai dati relativi al periodo dal 1° gennaio al 21 marzo 2021, l'andamento dell'epidemia segna un rapporto fra positivi e tamponi ogni 100mila abitanti di 34.023 tamponi (media italiana), contro i 50.142 del Friuli Venezia Giulia che la posizionano fra i primi posti dopo la provincia autonoma di Bolzano, il Veneto e l'Abruzzo.

Riccardi ha sottolineato come i casi dei positivi sui tamponi, nel periodo dal 1° gennaio al 21 marzo 2021, si attestino ad una media italiana del 6,3% contro un 6,9% del Fvg, dietro a Puglia, Calabria, Marche, Campania, Molise Basilicata, Provincia autonoma di Trento, Lombardia ed Emilia-Romagna: "Non è un indicatore banale sull'andamento dell'epidemia e sull'attività di sorveglianza, attività quest'ultima che il nostro servizio sanitario svolge in modo imponente".

Decessi inferiori a media nazionale

Un altro aspetto rilevante per il vicegovernatore riguarda la mortalità standardizzata. Nel 2020 rispetto ai 5 anni precedenti sulla mortalità standardizzata, il tasso per decesso da Covid in Friuli Venezia Giulia è pari al 100,02 mentre la media del Nord Italia è di 151,6 e quella italiana di 103,9. Quindi il tasso di mortalità in Fvg è inferiore alla media nazionale.La variazione percentuale dei decessi per il complesso delle cause nel 2020, confrontata con la media dello stesso periodo del 2015-2019, e dei decessi per Covid-19 vede un aumento del 12,5% in regione contro una media del 24,6% nel Nord Italia e del 15,6% a livello nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento