rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Covid, Riccardi: "Quarta ondata e terza dose: massimo sforzo organizzativo"

Oggi l'incontro a Palmanova con i segretari di Cgil, Cisl e Uil. Il vicegovernatore: "Il nostro istema sanitario regionale è chiamato a dare risposte non solo all'effetto di questa ondata di coronavirus ma anche al recupero delle attività e delle prestazioni che accumulano nuovi ritardi per effetto dell'impennata di ricoveri"

"Fronteggiare la nuova domanda ospedaliera che è richiesta da questa ondata e predisporre le fasi a regime della somministrazione della terza dose: sono i due fulcri sui quali stiamo producendo il massimo sforzo organizzativo". Sono nelle parole del vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi i due temi affrontati in un incontro illustrativo che lo stesso Riccardi ha avuto a Palmanova nella sede della Protezione civile con i segretari delle organizzazioni sindacali confederali, Villiam Pezzetta e Matteo Zorn, segretari generali rispettivamente di Cgil e Uil, e Luciano Bordin, segretario regionale della Cisl.

"Il punto fondamentale - ha spiegato Riccardi - è il fabbisogno di personale sanitario, che sconta le carenze dovute ai sospesi e contagiati, che ci richiede una manovra diversificata, la quale punta a coinvolgere gli specializzandi, il Centro di formazione di medicina generale e le equipe mediche dell'Esercito".

"Teniamo conto che il nostro sistema sanitario regionale - ha rilevato il vicegovernatore - è chiamato a dare risposte non solo all'effetto di questa ondata di coronavirus ma anche al recupero delle attività e delle prestazioni che accumulano nuovi ritardi per effetto dell'impennata di ricoveri. Possiamo dire che se la gran parte della popolazione non si fosse vaccinata ci troveremmo ora - basta guardare i dati dei Paesi confinanti - in una situazione altamente drammatica. Le difficoltà esistono e sono molto serie, ma si possono gestire, grazie alla responsabilità e al senso civico dei cittadini del Friuli Venezia Giulia che hanno accettato il siero salvavita, salvavita per sé stessi e per il loro prossimo. Contiamo sempre che ulteriori fette di popolazione timorosa o indecisa sappiano fare la scelta giusta e farla per tempo".

Per quanto riguarda la terza dose, ha concluso Riccardi, "non ci saranno problemi sui quantitativi utili a dare risposta a tutta la platea di vaccinandi, che mi auguro sia la più vasta possibile". Nel corso dell'incontro sono state affrontate anche le tematiche più ad ampio spettro che riguardano le risorse del Pnrr per la parte che riguarda la salute e il welfare, in vista di avere con le parti sociali nuovi e più specifici confronti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Riccardi: "Quarta ondata e terza dose: massimo sforzo organizzativo"

TriestePrima è in caricamento