Riccardi: "Più sorveglianza sui contagi dai Balcani"

L'assessore alla Salute: "Quando qualcuno arriva da quei Paesi, ha l'obbligo di mettersi in autoisolamento. Nessuna caccia all'untore e nel pieno rispetto di chi vive e lavora onestamente nella nostra regione". Da oggi incontri con categorie economiche e consolati

"Stiamo lavorando per prevenire l'insorgere di eventuali focolai alla luce dell'origine "esterna", dall'area balcanica in particolare, degli ultimi casi registrati in Friuli Venezia Giulia. Per questo partiranno da domani una serie di incontri con le categorie economiche e il corpo consolare dei Paesi maggiormente coinvolti. Parallelamente, è stata evidenziata dal governatore Fedriga al Governo la necessità di attuare una politica maggiormente stringente sugli ingressi extra Ue". Lo ha detto oggi a Palmanova il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, a margine della riunione in videoconferenza con il prefetto di Trieste e commissario di Governo, Valerio Valenti, e i rappresentanti dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina e delle Istituzioni locali.

Il rispetto delle regole

Come ha sottolineato Riccardi, è un dato di fatto che le ultime positività riscontrate nel territorio regionale sono riconducibili a quelle aree dell'Est europeo, attualmente al centro di una diffusione del contagio. "A ciò - ha spiegato - si somma la presenza di una significativa presenza di lavoratori residenti in regione e provenienti da quei Paesi". Il vicegovernatore ha ricordato, poi, come proprio il rispetto delle regole da parte dei cittadini del Friuli Venezia Giulia sia stato uno degli elementi decisivi per il contenimento della pandemia sul nostro territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questo pretendiamo che le norme vengano osservate, in primo luogo l'isolamento in quarantena da parte di chi viene dai Paesi extra Ue. Da parte nostra, intanto, stiamo attivando le procedure di tracciamento e gli esami del tampone per circoscrivere l'insorgere di un possibile focolaio". "Il tema di fondo - ha ribadito Riccardi - è che bisogna seguire le prescrizioni; quando qualcuno arriva da quei Paesi, ha l'obbligo di mettersi in autoisolamento. Questo è il punto, senza nessuna caccia all'untore e nel pieno rispetto di chi vive e lavora onestamente nella nostra regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

  • Orso bruno avvistato vicino alla ciclopedonale a Draga Sant'Elia

  • Malore sott'acqua a Sistiana: 38enne portato a Cattinara in codice rosso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento