menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Richiedenti asilo, Ugl Polizia Trieste: «Preoccupazione per nuovi arrivi di profughi da alloggiare in centro»

Il segretario provinciale dell'Ugl polizia Alessio Edoardo, su situazione profughi a Trieste

Alessio Edoardo, segretario provinciale Ugl Polizia: «Avevamo parlato con il Prefetto pochi giorni fa è non era previsto nessun incremento rispetto ai profughi già presenti (circa 770) sul territorio, era stato garantito un posto dove queste persone possano stare in maniera, comunque degna, vigilata, per la sicurezza dei cittadini  e  soprattutto per quanto riguarda la loro salute , e ci venne riferito dalla Sig. a Commissario del Governo della prossima apertura della caserma della finanza di Fernetti (con annessa infermieria) e della struttura di Lazzaretto (Muggia ) che avrebbe ospitato parte dei rifugiati in ottobre».

«Ora sembra che tutto sia cambiato, si parla di nuovi arrivi, di nuove location e sopratutto di location in zone di grande popolosita non che  in vicinanza di comprensori scolastici ,il sito che più ci preoccupa per la scenata è la caserma dismessa dell'esercito di  via Cumano. Bene, su questo chiederemo chiarimenti al sig. a Prefetto, consapevoli che gli abitanti della zona di via Cumano sono contrari a tali panorami , come noi del resto, per tutte quelle questioni relative alla sicurezza che ne derivano. Speriamo che l'articolo apparso sul Messaggero sia una uscita non corretta o vetusta».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

  • Cronaca

    Ruba 170 euro di vestiti all'Ovs: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento