Cronaca

Riforma enti locali, il personale della Provincia passa alla Regione

Il testo prevede l'obbligo per le Province di rideterminare il proprio organico entro il 31 agosto 2016, alla luce del trasferimento di funzioni e competenze nei tempi e nei modi previsti dalla legge regionale 26/2014

 «Esprimo soddisfazione per questa intesa, sollecitata e fortemente voluta dall’Unione delle Province del Friuli Venezia Giulia che riguarda il personale di staff e che delinea con chiarezza la futura destinazione dei collaboratori, superando ogni incertezza».

È il commento della Presidente regionale  dell’Unione delle Province Maria Teresa Bassa Poropat  alla sigla dell’Accordo sottoscritto oggi fra le parti datoriali (Amministrazione regionale, Anci, UPI e Uncem) e le rappresentanze delle Organizzazioni Sindacali del comparto unico del pubblico impiego regionale e locale (CGIL, CISL, UIL, UGL e Cisal), avente ad oggetto “Riordino del sistema Regione-Autonomie locali nel Friuli Venezia Giulia. Personale di staff delle Province".

Il testo prevede l’obbligo per le Province di rideterminare il proprio organico entro il 31 agosto 2016, alla luce del trasferimento di funzioni e competenze nei tempi e nei modi previsti dalla legge regionale 26/2014.

L’accordo stabilisce inoltre che, il personale non legato alle funzioni che permangono in capo alle amministrazioni provinciali, sarà prioritariamente destinato alle Uti. Completato il trasferimento di tutte le funzioni, anche il personale rimasto in servizio, entrerà prioritariamente nell’organico delle Unioni territoriali intercomunali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma enti locali, il personale della Provincia passa alla Regione

TriestePrima è in caricamento