rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Riforma enti locali, Serracchiani: «Il cambiamento spaventa sempre»

19.38 - Annunciati incontri sul territorio per acquisire contributi non soltanto dagli amministratori ma anche dai segretari e dai dirigenti dei Comuni

«Abbiamo responsabilità di governo e per questo è stata elaborata una proposta di riforma degli enti locali su cui da più di un anno abbiamo attivato un confronto puntuale sul territorio. Credo si sia raggiunto un buon punto di equilibrio con un testo nei cui emendamenti è stata data risposta alle varie richieste espresse dagli amministratori. Ora confido che su una riforma così importante per i cittadini non si facciano strumentalizzazioni politiche».

Lo ha affermato la presidente della Regione Debora Serracchianiin occasione del convegno "La Regione e i Comuni: un gioco di squadra per le riforme" organizzato da ANCI e Forser e che si è svolto a Udine proprio nel giorno in cui prende avvio la discussione del testo in Commissione.

«Questo importante momento formativo in cui i tanti amministratori locali potranno fare tesoro delle esperienze di prassi interessanti, solo casualmente cade all'interno dell'iter della riforma», ha precisato Serracchiani, ricordando che la norma «va considerata come una legge quadro che implica la possibilità di numerosi interventi di attuazione - citati per tutti il tema del trasferimento risorse, la revisione del comparto unico, la distribuzione delle competenze dopo lo scioglimento delle Province, l'attivazione della Centrale unica di acquisto - che noi prenderemo in considerazione di volta in volta e ci impegneremo a condividere con gli amministratori».

Serracchiani e l'assessore regionale agli Enti locali Paolo Panontin hanno annunciato una serie di incontri sul territorio per acquisire contributi non soltanto dagli amministratori ma anche dai segretari e dai dirigenti dei Comuni.

«Vogliamo sciogliere quei nodi tecnici che ancora posso persistere, aggiustare il tiro e giungere così ad una convinto avvio dell'attuazione della riforma», ha affermato la presidente.

Rispondendo alla manifestazione di dissenso alla riforma promossa in auditorium da una trentina tra amministratori comunali, provinciali e rappresentanti dei gruppi consiliari di opposizione, Serracchiani ha affermato di credere che una riforma di queste dimensioni contempli necessariamente anche qualche contrarietà. «Il cambiamento spaventa sempre», ha detto, ribadendo però la distinzione tra il dissenso costruttivo e il semplice calcolo politico.

«Io continuo a confidare - è stato l'auspicio della presidente - che non si faccia strumentalizzazione politica su una riforma
così importante per i cittadini e bisognerebbe rammaricarsi se ilcentrodestra intendesse continuare così».

Un auspicio ribadito anche dall'assessore Panontin. "Spero - ha detto - che chi manifesta ancora resistenze e scetticismi possa convincersi con il tempo della bontà della riforma e non chiamarsi fuori, ma partecipare con critiche costruttive".

«Non mi preoccupa una manifestazione di dissenso», ha aggiunto Panontin, «conosco i sindaci che hanno promosso questa piccola manifestazione e in incontri sul territorio molti fra quelli che oggi contestano si sono espressi sostanzialmente a favore della riforma, pur chiedendo alcune modifiche. Credo che nel testo emendato troveranno molte risposte e mi auguro che il loro atteggiamento cambierà. In alcuni striscioni c'era scritto che i sindaci sono espressione della gente e io credo che questa riforma aiuterà li aiuterà a fare meglio il lavoro e valorizzerà il loro ruolo».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma enti locali, Serracchiani: «Il cambiamento spaventa sempre»

TriestePrima è in caricamento