rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Rigassificatore, Savino (FI): «Rischio che Gas Natural proceda con l'impianto»

Sandra Savino, parlamentare di Forza Italia, in merito all'impianto di Zaule: «Nessuna delibera di Giunta emessa per bloccare la realizzazione dell'impianto»

«Il Mise ha finalmente risposto alla mia interrogazione sul futuro del rigassificatore di Zaule ed è emerso chiaramente che il progetto pende come una spada di Damocle sulla testa dei triestini». Sandra Savino, parlamentare di Forza Italia, interviene sulla vicenda dell'impianto giuliano specificando che «il ministero ha chiaramente detto che non è stata emanata alcuna delibera di Giunta regionale, in merito all'intesa sull'opera in oggetto dell'atto di sindacato ispettivo. A seguito di tale formale espressione della Regione, verranno adottate le conseguenti valutazioni previste dalla normativa vigente».

«In sostanza - spiega Savino - il ministero potrebbe decidere di bloccare il progetto solo se arrivasse una richiesta ufficiale della Serracchiani che sul tema, a parole, si è detta contraria, ma evidentemente preferisce non proseguire con i fatti». «Dal Mise - aggiunge la parlamentare azzurra - è arrivata anche la conferma che sul gasdotto sottomarino da Zaule a Grado si è in attesa della firma del ministero dell'ambiente dopo le conferenze dei servizi nonostante lo studio presentato dall'allora presidente dell'autorità portuale Marina Monassi grazie al quale venne evidenziato come ci fosse il rischio di creare problemi al traffico merci dello scalo giuliano».

«A questo punto la Giunta ha l'obbligo di fare un atto ufficiale altrimenti c'è il rischio che Gas Natural proceda con l'impianto. Ricordo inoltre che tutti gli iter autorizzativi sull'impianto sono stati fatti dall'allora assessore Cosolini e dal collega di partito Sonego, la giunta di centrodestra, dopo attenta valutazione, aveva espresso parere contrario mentre la Serracchiani, all'epoca europarlamentare, non mi risulta abbia fatto alcunché a livello di Unione Europea per bloccare l'opera».

«A questo punto - conclude la parlamentare azzurra - il Pd deve assumersi la responsabilità di prendere una decisione, possibilmente entro la fine della campagna elettorale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rigassificatore, Savino (FI): «Rischio che Gas Natural proceda con l'impianto»

TriestePrima è in caricamento