Rimpatriata e drink a due passi da piazza Unità: cinque multe e bar chiuso

Chiusura temporanea di cinque giorni per il locale che serviva da bere ai quattro avventori, che bevevano seduti ai tavoli esterni del bar. Sono stati multati insieme al dipendente per aver violato le norme anti contagio da Covid 19

Bevevano al tavolo di un bar, all'aperto, come in un giorno di primavera qualunque, finché non sono intervenuti i Carabinieri. È successo all'esterno di un locale a ridosso di piazza Unità nel primo pomeriggio di ieri, 8 aprile. I militari della Stazione di Via Hermet hanno contestato la violazione della normativa COVID a un dipendente dell'esercizio di ristorazione per avere somministrato bevande alcoliche a quattro avventori che si erano tranquillamente accomodati al tavolino come se ci si trovasse in un giorno di normalità pre pasquale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiusura per 5 giorni

Immediatamente sono scattate le contestazioni amministrative da parte di Carabinieri anche nei confronti di tutti i temerari avventori per avere violato il divieto di assembramento e per essere usciti di casa senza un giustificato motivo, non rientrando la rimpatriata al bar a bere alcolici tra le esigenze essenziali e improrogabili. Per il pubblico esercizio, rientrante tra quelli autorizzati a tenere aperto per l’attività di asporto a domicilio di generi alimentari, è scattata l’immediata chiusura per 5 giorni in attesa delle determinazioni dell’Autorità amministrativa che è stata immediatamente informata.

Coronavirus: controllate 20mila persone in un mese, il 5% è stato multato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento