Sei migranti rintracciati a Opicina: erano appena scesi da un bus di linea

Il problema è che sono saliti su un mezzo pubblico insieme ad altre persone, ma le loro condizioni di salute non sono state verificate. Ora saranno sottoposti a triage e poi trasferiti in strutture d'accoglienza

Rintraccio di migranti anomalo questo pomeriggio, mercoledì 16 settembre: intorno alle 16 sei persone, di nazionalità afghana, sono state fermate dalla Polizia di frontiera a Opicina, dopo essere scese dalla linea 4 di Trieste Trasporti alla fermata vicina al capolinea del tram. L'anomalia sta nel fatto che solitamente i migranti arrivano dall'altipiano carsico per poi scendere a piedi verso il centro città, mentre in questo caso, secondo le ricostruzioni, il percorso è stato inverso: dal centro si sono spostati in autobus verso Opicina. 

Queste persone non risulterebbero registrate in nessun centro d'accoglienza quindi sembrerebbero appena arrivate da oltre confine, motivo per cui dovranno essere testate per il Covid 19. Il problema è che sono saliti su un mezzo pubblico insieme ad altre persone, ma le loro condizioni di salute non sono state verificate. Ora saranno sottoposti a triage e poi saranno trasferiti in strutture d'accoglienza idonee a trascorrere il periodo di quarantena fiduciaria previsto in questi casi. 

Furgone pieno di migranti in Istria, la polizia croata spara ad un passeur

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento