Riqualificazione Canale in via Rossini: il Comune cerca l'intesa tra ditta ed esercenti per la Barcolana

L'assessore ai Lavori pubblici Lodi: «Con sindaco, uffici e tecnici stiamo lavorando per trovare diverse soluzioni e ovviare per quanto possibile ai disagi per i commercianti in vista del prossimo avvio del cantiere»

Quasi completati i lavori in via Bellini, la riqualificazione delle sponde del Canal Grande (o di Ponterosso) prevedono la fase di posa dei masegni (e sottosistemazione servizi AcegasAspAmga) in via Rossini. L'inizio dei lavori è previsto per il prossimo mese di settembre, ma già da tempo il Comune sta cercando di trovare la quadra tra le richieste degli esercenti e il naturale proseguo del cantiere.

Infatti i commercianti sono preoccupati che i lavori ostacoleranno le loro attività, in particolare nel periodo di picco della Barcolana: «Assieme al sindaco Roberto Dipiazza , i tecnici del Comune, l'Impresa e gli esercenti di via Rossini stiamo lavorando per trovare diverse soluzioni e ovviare per quanto possibile ai disagi per i commercianti in vista del prossimo avvio del cantiere sul lato proprio di via Rossini che avrà inizio da settembre - afferma l'assessore ai Lavori pubblici Elisa Lodi -. Nel corso dell'estate abbiamo avuto diverse riunioni con tutti gli interessati e da ultimo un sopralluogo assieme al sindaco ieri (venerdì 25 agosto) per venire incontro alle richieste degli esercenti in vista della Barcolana! La prossima settimana per verificare e concordare quindi l'iter dei lavori proseguiranno i nostri incontri».

«Il cantiere non può restare fermo: ora bisogna mediare tra ditta ed esercenti - continua Lodi -. Ioltre c'è il problema della concomitanza dei lavori davanti il palazzo delle Generali che costringerebbe ad accedere a via Rossini da via Roma e quindi i mezzi pesanti passerebbero proprio davanti negozi e locali. Stiamo pensando anche a delle soluzioni per i giorni della Barcolana con l'apertura del Ponte Curto valutando con l'impresa soluzioni per far sistemare i tavolini all'esterno delle attività, ma appunto la situazione vede coinvolti più soggetti e questa settimana troveremo la soluzione alla quale lavoriamo già da tempo. Ricordo poi che con una recente delibera di giunta abbiamo anche dato la possibilità agli esercenti di derogare nei periodi di lavori pubblici di derogare agli spazi esterni assegnati come del resto già messo in atto con gli esercenti sul lato opposto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento