Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Rischia di perdere il reddito di cittadinanza, ma la Polizia di Muggia la aiuta

La commossa lettera di una signora al commissariato di Muggia: "La nostra cittadina non si rende conto a volte di quanto siamo supportati, protetti ed aiutati”. Un'attività che si discosta molto dai più comuni interventi di soccorso, ma che rappresenta la vicinanza delle forze dell'ordine alla comunità

“Ringrazio di cuore i due agenti della Polizia del Commissariato di Muggia per la disponibilità, immediatezza nel riuscire ad aiutarmi per un problema con le poste! Tutto ciò che hanno fatto rende onore al nostro Commissariato d Muggia. La nostra cittadina non si rende conto a volte di quanto siamo supportati, protetti ed aiutati!”. Questo quanto scritto in parte da una signora su un biglietto augurale fatto pervenire all’Ufficio di Polizia della cittadina rivierasca, diretto dal dottor Michele Vecchiet.

Rischiava di perdere il reddito di cittadinanza

La donna aveva smarrito nei giorni scorsi i propri documenti d’identità ed era impossibilitata, pertanto, a ritirare la propria tessera per il reddito di cittadinanza presso l’ufficio postale vista la mancanza del documento d’identità in originale. Disperata, la donna aveva telefonato al Commissariato di P.S. di Muggia rappresentando la situazione, con preoccupanti ripercussioni precarie per il suo status precario. Preso a cuore il problema, la dirigenza è riuscita a sensibilizzare l’Ufficio Anagrafe del Comune di Muggia ed è stato possibile attivare una procedura straordinaria per il rilascio della carta d’identità cartacea.

Pur discostandosi dai più comuni interventi di soccorso alla cittadinanza, questa attività è risultata essere immediatamente risolutiva e la donna, che da subito aveva espresso grande riconoscenza per tutto l’Ufficio, ha fatto pervenire un biglietto augurale con parte del testo sopra riportato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischia di perdere il reddito di cittadinanza, ma la Polizia di Muggia la aiuta

TriestePrima è in caricamento