Legambiente: "La festa ai Caregoni una baldoria discotecara"

In un post pubblicato sulla propria pagina facebook, l'associazione ambientalista di Monfalcone attacca gli "Amici dei Caregoni": "Non ha nulla di sostenibile"

"Riserva naturale Foce dell'Isonzo: avanti tutta verso la fine della tutela". Sembra ormai essersi innescato un vortice di dura contrapposizione tra gli ambientalisti e "Gli amici dei Caregoni". Il motivo? Da un lato ci sarebbe la Riserva naturale della foce dell'Isonzo e dall'altro il rivendicato diritto di poter godere della zona.  

La posizione degli ambientalisti

Legambiente Monfalcone dopo il Ferragosto di quest'anno contrattacca e usa parole dure. "Una foto che campeggia spavalda sulla pagina degli "Amici dei Caregoni" spiega più di ogni altro commento il vero obiettivo di una parte di questa associazione: la cancellazione di ogni vincolo di tutela fino all'atto estremo di cancellare la riserva naturale, inclusa nel 2016 tra le Zone umide d'importanza internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar. 

"Non gliene può fregare di meno - si legge nella nota - ai frequentatori della movida estiva dei pareri degli esperti delle Università di Udine e Trieste che, senza interessi personali  e senza subire condizionamenti vari, tentano invano di spiegare, in modo scientifico, che non si tratta di salvaguardare due "cocai" (gabbiani ndr) ma di garantire un intero delicato sistema ricco di biodiversità". "Non è difficile comprendere che la frequentazione di migliaia di persone in poche ore con barche, motori, rumore e calpestio, possa provocare un danno ambientale enorme. Una simile baldoria discotecara non ha nulla di sostenibile". 

Il luogo 

"Sostenere che i Caregoni sono fuori dalla Riserva è una pura falsità, e in ogni caso non giustifica simili comportamenti: se questo sito è stato definito di importanza comunitaria, ci sono ragioni scientifiche che lo determinano. Non si tratta solo di perimetro tracciato a caso, ma di un preciso invito ad assumere un senso di responsabilità verso l'intera zona". "È sacrosanta l'affermazione che i Caregoni appartengono al popolo, ma un popolo che va ben oltre i confini locali. L'unicità della nostra terra e la sua fragile bellezza appartengono a tutti, sono un bene comune non circoscritto al migliaio di persone che con i loro motoscafi se ne sono appropriate. Le Istituzioni - prosegue la nota - dovrebbero impegnarsi a educare al rispetto e alla sostenibilità e questa poteva essere un'occasione irripetebile per dimostrare, nel concreto, cosa significa amministrare salvaguardando il patrimonio naturale per le generazioni future". 

Il pensiero unico 

"Ne siamo perfettamente consapevoli, siamo entrati mani e piedi nel terreno melmoso del pensiero unico, dell'egoismo più sfrenato, nel primato del "secondo me" che sta sostituendo quello del "secondo la comunità scientifica" nella banalizzazione del "bene collettivo", in nome della difesa dei propri presunti diritti. Le incredibili dichiarazioni del portavoce degli "Amici dei Caregoni" in relazione a "Casoni e pulizia del territorio si commentano da sole: da un lato la difesa dell'illegalità conclamata dei "casoni" (sancita dalla Magistratura) dall'altro le accuse a Legambiente di non intervenire a ripulire il territorio (dove invece il circolo "Ignazio Zanutto organizza ogni anno iniziative di pulizia). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una partita persa

"In definitiva - conlcude - alla fine perderemo tutti. Il sistema di Aree Naturali, svilito dall'area di servizio per feste e schiamazzi; Legambiente che tenta di far presente questo rischio; la collettività intera, che a causa dell'egoismo di un gruppo organizzato ed alla compiacenza della politica, perderà un patrimonio naturale inestimabile".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 7 anni umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio, la triste storia di Jacopo

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Schianto tra i Carabinieri e un'auto: militare a Cattinara

  • Ricercata da cinque anni, faceva la escort a Trieste: arrestata 28enne

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento