menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

(Ritorna) Punto Informativo al Piano Terra di Palazzo Cheba in piu' Negozio di Enogastronomia del Territorio

Entro Natale il Comune di Trieste punta a trasformare  e a rivitalizzare gli spazi dell’ex Aiat e del negozio di souvenir, al pianterreno del palazzo municipale di piazza Unità, in un punto informativo e in un negozio di prodotti di artigianato...

Entro Natale il Comune di Trieste punta a trasformare e a rivitalizzare gli spazi dell'ex Aiat e del negozio di souvenir, al pianterreno del palazzo municipale di piazza Unità, in un punto informativo e in un negozio di prodotti di artigianato artistico.

E' questo quanto previsto da un "verde di giunta", approvato ieri dall'esecutivo comunale su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico e Turismo Fabio Omero.

Condividendo la necessità di migliorare l'informazione turistica del Comune di Trieste, senza per altro entrare in concorrenza con l'info-point di Turismo Fvg che si trova nel vicino palazzo della Regione, la sede ex Aiat al pianterreno del municipio sarà destinata alla promozione dei siti, degli itinerari e in genere delle attività turistiche, culturali, sportive e congressuali del territorio e in particolare del Comune di Trieste.



Sempre nell'ambito di questa attività dovrebbe essere ricompresa anche la vendita dei biglietti dei civici musei, teatri, manifestazioni e spettacoli, le informazioni sul trasporto pubblico e sull'assistenza sanitaria, le attività di supporto alla gestione dei portali turistici e di monitoraggio della domanda. A queste funzioni potrà essere aggiunta anche l'attività di promozione del turismo "accessibile", per il quale esistono già specifici progetti che impegneranno il Comune.

Il servizio dovrebbe essere affidato previo esperimento di una gara d'appalto riconoscendo al vincitore la possibilità di poter gestire attività proprie coerenti con la destinazione a punto di informazione turistica, come a esempio le attività di incoming e di guide e accompagnatori turistici, anche con il fine di ridurre o azzerare i costi per l'Ente.

Per quanto riguarda invece il negozio di souvenir, è destinato a diventare vetrina e punto vendita di prodotti dell'artigianato artistico locale e dei prodotti eno-gastronomici del territorio.

L'offerta dei prodotti dovrà essere commisurata a soddisfare anche la domanda di un turismo di qualità.

Nella specifica gara di appalto si premieranno le offerte che rappresenteranno una pluralità di attori e di prodotti e verranno inoltre valutate anche le offerte che propongono progetti specifici di animazione sul territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento