Cronaca

La Triestina Nuoto torna in acqua e riparte con il botto: conquistati tre record

Nel weekend alla Bianchi si sono svolte le prime gare della stagione in vasca corta, tra le file USTN ha brillato soprattutto il settore paralimpico grazie agli atleti Giorgia Marchi e Alessandro Agosto

Nel weekend il nuoto regionale è tornato a vivere lo spirito agonistico delle competizioni, con le gare, in vasca corta, svoltesi anche alla Bianchi dove si sono sfidati i team dell’area di Trieste e di Pordenone. E’ stata una due giorni ricca di sfide e contrassegnata dalla voglia di tutti i partecipanti, appartenenti alle categorie Assoluti (Ragazzi, Cadetti, Juniores) e al settore paralimpico, di rituffarsi in acque per battere la concorrenza e migliorare i propri primati personali. Tra le file dell’USTN la copertina spetta alle prestazioni fatte segnare dai sei atleti del team paralimpico che seguito a bordo vasca dall’allenatrice Nicoletta Giannetti, ha dimostrato di essere già in palla e di poter nuotare fin dalle prime uscite stagionali già ad altissimi livelli. L’attesa Giorgia Marchi (categoria S14) ha letteralmente divorato la vasca, riscrivendo il primato nazionale assoluto FINP sui 100 farfalla con il crono di 1’17”44 e quello sia della FINP che della FISDR nei 50 rana con il tempo di 39”09. Al maschile anche Alessandro Agosto (categoria S14) è salito in testa alla graduatoria nazionale all time dei 50 dorso, nuotando in 32”45 il nuovo record nazionale. Ma oltre ai due nuotatori sopracitati anche il quartetto composto da Sebastian Pilutti, Luca Bolognino, Riccardo Fuso e Daniele Vocino ha chiuso le proprie fatiche con interessanti riscontri cronometrici, che fanno intendere come il team USTN sia solido e coeso.

Anche la squadra Ragazzi ha fornito una prestazione collettiva degna di nota, tornando a casa dalla due giorni di gare con 42 nuovo primati personali su 52 presenze in vasca. Tra i 15 atleti presenti, c’è segnalare il tempo di 2’22” fatto segnare da Beatrice Rossi sui 200 stile libero. Nella stessa distanza ma al maschile Francesco Scamperle ha toccato la piastra con il buon crono di 2’02”. Nella seconda giornata, ha fatto specie il miglioramento monstre di Luca Spano che sui 100 rana ha abbassato il proprio personal best di ben 8” con il tempo di 1’16”, mentre dopo due anni di assenza dal nuoto è tornata a gareggiare Greta Ursic che ha ben figurato sui 100 sl e 100 dorso, dove si è migliorata. Alla Bianchi ha lottato anche il team assoluto, che nonostante si presentasse ai nastri di partenza, con gli effettivi dimezzati, ha nuotato crono in linea con il periodo della stagione ma sfoderando un atteggiamento aggressivo e senza alcun timore in vasca che si potrà rivelare un elemento significativo nel futuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Triestina Nuoto torna in acqua e riparte con il botto: conquistati tre record

TriestePrima è in caricamento