rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Sepolture protostoriche: ritrovati resti ossei umani in Val Rosandra

Si tratta di quattro persone adulte, un giovane e un bambino. I resti risalirebbero all'età del ferro

In tre gallerie nei pressi della confluenza tra il Krvavi potok e la Val Rosandra sono stati ritrovati dei resti ossei umani di almeno quattro persone adulte, di un giovane e di un bambino. La recente scoperta è stata condivisa sul gruppo Facebook Misteri e Meraviglie del Carso.

Nel dettaglio, secondo gli "Annales- Annali di studi istriani e mediterranei", le ossa si possono attribuire a sepolture di epoca protostorica. Infatti, in uno dei siti sono stati rinvenute, assime a quelle umane, anche delle ossa di bovino, scrofa, asino e gallina che si ritiene potessero far parte del corredo funebre. Asini e galline appaiono in questa zona appena nell'età del ferro, quindi si potrebbero far risalire a quell'epoca anche le sepolture recentemente scoperte.  In base al confronto con i resti umani rinvenuti nelle altre grotte della Val Rosandra, si suppone che il ripido pendio fosse stato usato da una delle comunità protostoriche come “luogo dei morti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sepolture protostoriche: ritrovati resti ossei umani in Val Rosandra

TriestePrima è in caricamento