Cronaca

Rivoluzione in cantina: dal 1° gennaio via i registri di carta, documentazione solo in via telematica

Tutta la documentazione sarà prodotta in via telematica. Confagricoltura Fvg organizza la formazione dei produttori

Dall’1 gennaio del 2017, per prima in Europa, l’Italia farà “sparire” dalle sue 60.000 aziende vitivinicole i registri di carta (una decina, attualmente). Prende avvio, infatti, la “dematerializzazione” dei registri che ogni azienda deve compilare e vidimare per mantenersi in regola nella propria attività produttiva. In pratica, le nuove norme (emanate nel 2014 e nel 2015) stabiliscono che, pur rimanendo in essere l’obbligo di registrare ogni passaggio che avviene dall’uva al vino, in quantità e qualità, lo si potrà fare esclusivamente in via telematica e non più cartacea, con un solo registro. A spiegare ai viticoltori regionali i dettagli dell’importante cambiamento, chiamata da Confagricoltura Fvg, a Palazzolo dello Stella, è stata Palma Esposito, responsabile delle produzioni vitivinicole e olivicole di Confagricoltura nazionale.

«Il passaggio non sarà semplice e, perciò – ha spiegato Esposito -, abbiamo chiesto al Ministero di monitorare con attenzione tutte le sue fasi, valutare i risultati della sperimentazione in atto e comportarsi di conseguenza. La via telematica è assolutamente auspicata e da percorrere, ma richiede i suoi tempi per essere correttamente imboccata. Confagricoltura, da parte sua, favorirà questi processi e supporterà il cambiamento anche tramite un’adeguata attività di formazione dei propri associati».

Oltre alla riduzione del numero di documenti cartacei da compilare e conservare, la nuova prassi consentirà di effettuare verifiche a distanza con meno controlli aziendali. I registri telematici, infine, saranno utilizzabili anche dai produttori di aceto, di bevande aromatizzate a base di vino e dai distillatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione in cantina: dal 1° gennaio via i registri di carta, documentazione solo in via telematica

TriestePrima è in caricamento