Il Rossetti celebra la riapertura dei teatri con le note di Remo Anzovino

Il teatro ha celebrato simbolicamente la data del via libera agli spettacoli dal vivo aprendo la propria sala al compositore e pianista Remo Anzovino per una preview del suo concerto che si terrà il prossimo 26 ottobre a Trieste

Foto di Simone Di Luca

15 giugno 2020: dopo un periodo senza precedenti, di emergenza e lockdown, i teatri italiani possono iniziare a riprogrammare le attività e con le dovute tutele, riaprire le loro sale… Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia ha simbolicamente schiuso le proprie porte, in questa significativa giornata, al compositore e pianista corregionale Remo Anzovino, che esegue al pianoforte alcune sue incantevoli composizioni e colonne sonore che gli sono valse nel 2019 il Nastro d’Argento - Menzione Speciale Musica dell’Arte.

Un concerto per piano solo, con il solo artista sotto le stelle del Rossetti: una preview del concerto che Anzovino terrà a ottobre allo Stabile e che viene annunciato proprio in questa occasione: primo evento ad andare in programmazione e in vendita, per la stagione 2020-2021. Il segno positivo di un ritorno alla normalità, di un Teatro che si riapre al pubblico e che non ha mai smesso di lavorare e riorganizzarsi per il futuro. Un futuro prossimo che porterà gli attori della Compagnia Stabile del Teatro a recitare in diverse occasioni nelle rassegne estive all’aperto di Trieste e che ad autunno ricondurrà gli spettatori negli amati spazi teatrali del Politeama. Come dimostra molto concretamente la inusuale cornice che circonda Anzovino: il palco occupato dai tecnici al lavoro, fra porte da ritinteggiare, riflettori da sistemare, scenografie da creare… tutto in attesa di preparare un ambiente accogliente, poetico, vibrante di suggestioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una dimensione che la musica di Remo Anzovino esprime perfettamente: il pianista pordenonese ha magnetizzato il pubblico regionale in molte occasioni, al Politeama Rossetti in particolare, lo scorso dicembre regalando un incantato tessuto sonoro a “La grande storia dell’Impressionismo” di Marco Goldin. Considerato uno dei massimi esponenti della musica strumentale contemporanea (oltre 6 milioni di streams solo su Spotify) e nuovo erede della grande tradizione italiana per la musica da film il Maestro Anzovino ha al proprio attivo una notevole attività concertistica nazionale e internazionale. L’anteprima del concerto eseguita oggi al Politeama Rossetti, si compone di sei brani per una durata di circa 25 minuti: il video della preview per la regia di Giulio Ladini, verrà trasmessa venerdì 19 giugno alle 21 integralmente in streaming sul canale Youtube e sui profili social Facebook e Instagram del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. I biglietti per il concerto di Remo Anzovino - che andrà in scena al Rossetti il 26 ottobre - saranno in vendita dal 22 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento