Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Rotonda Rio Ospo: al via il completamento dei lavori

Entro l’anno anche la fermata di Farnei

Era il 5 febbraio quando il Sindaco Laura Marzi annunciava la tanto attesa apertura al traffico veicolare della nuova rotatoria sull’Ospo, mantenendo di fatto la promessa che meno di una settimana prima aveva fatto esprimendo a chiare lettere la volontà di chiudere il cantiere in tempi brevissimi.

«Vogliamo che la viabilità provvisoria sulla nuova rotatoria sull’Ospo venga ripristinata entro l’inizio del Carnevale muggesano» aveva detto Marzi. E cosi è stato. Sin da subito è stato chiarito - come peraltro evidente anche dalla segnaletica apposta - che l'apertura della rotatoria del Rio Ospo sarebbe stata soggetta a viabilità provvisoria. Come preannunciato, infatti, il ripristino della viabilità aveva come fondamentale requisito la garanzia dell'aspetto sicurezza, condizione imprescindibile per la riapertura alla circolazione stradale.

Per quanto fosse quindi evidente la persistenza di alcuni tratti ancora cantierati (non di incidenza però sul piano sicurezza), è stato specificato che sarebbero stati interessati da interventi che si stimava sarebbero andati a concludersi insieme agli altri (asfalti, ecc) la cui realizzazione era già invece prevista per la primavera. «Si stimava» perché, come ben noto, il cantiere non è di competenza del Comune di Muggia che quindi non può in alcun modo intervenire. I lavori, infatti, sono stati iniziati a luglio del 2016 dalla Provincia e sono stati successivamente ereditati dalla Regione.

«Non potendo in alcun modo intervenire su un cantiere che non è comunale, abbiamo però continuato a monitorare e confrontarci, facendo le legittime pressioni affinché fosse chiaro il disagio a cui la città era sottoposta. Certo è che esistono dei meccanismi ben regolamentati riguardo a tempistiche o interventi disattesi che saranno poi oggetto di giudizio degli organi competenti, ma ciò non toglie che sia prioritario per noi che la viabilità – perlomeno provvisoria in attesa della effettiva conclusione dell’opera – sia ripristinata quanto prima»  aveva dichiarato con decisione Laura Marzi.

La primavera ora è alle porte ed anche i lavori dovrebbero riprendere nel mese di aprile. Si tratterà di intervenire sulle isole spartitraffico che devono essere ultimate, completare l’illuminazione e, soprattutto, intervenire con le asfaltature per le quali sono necessarie adeguate temperature che dovrebbero finalmente caratterizzare proprio i prossimi mesi. Entro l’estate anche il progetto della rotonda dovrebbe, quindi, finalmente poter essere concluso.

«Non posso che esserne felice, anche se è innegabile un amaro disappunto per come questa vicenda si è protratta e per tutti i disagi che ne sono derivati per i nostri cittadini - ha commentato l’assessore ai lavori Pubblici Francesco Bussani - La nota positiva è che, sentita la Regione, gli impegni presi confermano la fattibilità del progetto della fermata di Farnei che, quindi, una volta completato l’iter a partire ora dall’incarico di progettazione, potrà diventare una risposta concreta a quando richiesto».

La “Richiesta di istituzione e attivazione nuova fermata di Località Rabuiese del trasporto pubblico locale in rientro a Muggia” era l’oggetto della lettera a firma del vicesindaco del Comune rivierasco, Francesco Bussani, indirizzata alla Regione ed alla Provincia già il 19 settembre 2016. Una richiesta che trovava forza da una segnalazione pervenuta da parte di cittadini residenti nella zona di Rabuiese, con la quale era stata richiesta l’attivazione di una fermata della linea 20 sulla Strada Provinciale n.15 di Farnei in rientro da Trieste verso Muggia.

Erano stati ben 120, infatti, i residenti che avevano sottoscritto una petizione indirizzata a vari Enti a cominciare dalla Trieste Trasporti, dalla Provincia e dallo stesso Comune di Muggia, che subito si era mobilitato per trovare soluzioni. Di qui era partito infatti l’appello dell’Amministrazione muggesana a quella Regionale e Provinciale, «in modo da venire incontro alle esigenze della popolazione, alla luce delle nuove competenze e funzioni relative alla viabilità - si legge nella lettera, nella quale si auspica - una rapida soluzione del problema e la predisposizione di tutti quegli interventi necessari al potenziamento delle infrastrutture del trasporto pubblico locale, al fine di un miglioramento del servizio pubblico».

Un appello che ha trovato quindi risposta e che vedrà la realizzazione di questo sentito progetto. «Era una problematica molto sentita che creava un indiscutibile disagio per l’utenza e che finalmente, grazie ad una condivisione di intenti, darà risposta concreta ad una chiara esigenza dei nostri cittadini»  ha concluso l’assessore Bussani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotonda Rio Ospo: al via il completamento dei lavori

TriestePrima è in caricamento