Cronaca

Il film sulla Rotta balcanica del triestino Ludovisi premiato al Jahorina Festival

L'opera affronta il tema della gestione dei migranti che arrivano a Trieste dal percorso che via terra attraversa i Balcani

Il documentario dal titolo “Rotta Balcanica - ultima fermata” e realizzato dal giornalista triestino Davide Ludovisi ha vinto il premio della sezione documentari internazionali al Jahorina Film Festival, che si è svolto dal 23 al 26 settembre 2020 nell'omonima località bosniaca. Il breve documentario prodotto da Agherose, affronta il tema della gestione a Trieste dei migranti provenienti dal percorso che via terra attraversa i Balcani.

È un tema di estrema rilevanza soprattutto in questo periodo e il documentario racconta in modo asciutto e giornalistico come e perché la città di Trieste sia diventata un laboratorio senza eguali al mondo per un fenomeno epocale come quello delle migrazioni umane. Tra i temi affrontati c’è inevitabilmente anche quello delle violenze subite dai migranti nel lungo tragitto per arrivare in Europa. Ed è molto significativo che proprio il festival cinematografico della Bosnia and Herzegovina, giunto alla quattordicesima edizione, abbia deciso di premiare un documentario di questo tipo.

“Rotta Balcanica - ultima fermata”, realizzato pochi giorni prima del lockdown di quest’anno, dura circa mezz’ora ed è disponibile su Vimeo. È stato trasmesso dalla RAI del Friuli Venezia Giulia e oltre ad aver vinto il premio allo Jahorina Film Festival (quest’anno a causa del Covid-19 si è svolto online) nei mesi scorsi è stato selezionato anche da Andaras Travelling Film Festival e da Prisma Rome Independent Film Award. Ne ha parlato il podcast “Tienimi Bordone” de Il Post, “Effetto Notte estate” di Radio 24 e “Nessun luogo è lontano” di Radio 24.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il film sulla Rotta balcanica del triestino Ludovisi premiato al Jahorina Festival

TriestePrima è in caricamento