Martedì, 16 Luglio 2024
Blitz nella notte / Istria e Litorale

Quasi 50 profughi stipati nei camper, nei guai tre passeur ucraini

Notte di straordinari lungo la rotta balcanica in territorio sloveno. Durante i controlli è stato fermato anche un giovane kosovaro in macchina con i suoi genitori. Lui multato, i genitori riconsegnati alle autorità croate

CAPODISTRIA (Slovenia) - La rotta balcanica è attraversata ogni giorno non solo da persone in cerca di un futuro migliore ma anche e soprattutto dai cosiddetti trafficanti di esseri umani che sfruttano i migranti, chiedendo migliaia di euro per trasportarli di confine in confine. Solo questa notte la polizia del Dipartimento di Capodistria ha fermato tre passeur con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Tre persone di nazionalità ucraina, alle quali va aggiunto il fermo di un giovane kosovaro di 34 anni (residente in Francia) che viaggiava assieme ai suoi genitori. In tale occasione il figlio è stato multato mentre i genitori sono stati riconsegnati alle autorità croate. 

Nel primo caso (poco prima della mezzanotte, nella zona di Kubed) i poliziotti hanno fermato un camper con targa ceca guidato da un cittadino ucraino di 39 anni e a bordo del quale c'era anche una connazionale di 43. Nel camper erano stipati ben 24 profughi. Nel corso dello stesso controllo la polizia ha fermato anche una Skoda guidata da due cittadini ucraini, rispettivamente di 20 e 18 anni. Nella mattinata di oggi la polizia ha fermato un camper modello Fiat Ducato (sempre con targa ceca) guidato da un cittadino ucraino di 33 anni. All'interno del mezzo erano stipati 22 proughi di nazionalità iraniana.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi 50 profughi stipati nei camper, nei guai tre passeur ucraini
TriestePrima è in caricamento