Rotta balcanica, raffica di arresti nel weekend: fermati tre passeur in Slovenia

A renderlo noto sono le autorità slovene. Le persone fermate sono due cittadini ucraini e uno di origine kosovara

Raffica di arresti da parte del Dipartimento di polizia di Capodistria che tra venerdì scorso e domenica 19 luglio ha denunciato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestin tre passeur di cui due, dopo essere stati giudicati per direttissima dalla magistratura della vicina Repubblica, sono stati condotti in carcere. Uno di essi risulta essere ancora in attesa di giudizio. Due cittadini di origine ucraina e uno di nazionalità kosovara sono stati fermati a Koseze (Ilirska Bistrica ndr) e nei pressi di Podgorje (in direzione del confine di Osp ndr) mentre si trovavano alla guida dei rispettivi furgoni dove erano stati fatti salire tre distinti gruppi di migranti. 

Nel primo caso, avvenuto venerdì 17 luglio, gli agenti di polizia hanno intercettato vicino a Podgorje un cittadino kosovaro di 21 anni che trasportava alcuni migranti. Secondo quanto riportato dalle autorità slovene (che tuttavia non menzionano il numero di persone presenti all'interno del mezzo ndr), il passeur è stato denunciato e giudicato per direttissima dal tribunale che ne ha ordinato la carcerazione. 

Il giorno dopo poco dopo le 19 è stato fermato un cittadino ucraino di 44 anni che, dopo essere stato intercettato sempre nei pressi di Podgorje, è stato arrestato per favoreggiamento dell'immigrazione in quanto trasportava 18 cittadini di nazionalità pakistana. Domenica è finito nei guai un altro cittadino di origini ucraine dopo essere stato fermato a Koseze (località ai piedi del monte Sneznik, zona dove esiste il principale varco della Rotta balcanica tra Croazia e Slovenia ndr). Era alla guida di un furgone dove sono stati trovati 12 migranti, tutti cittadini di nazionalità pakistana. In riferimento a quest'ultimo rintraccio, fanno sapere le autorità slovene, il procedimento è ancora in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento