Cronaca

Babuder su "stop" a cittadinanza per Rotta e Demenego: "Confido in una deroga"

L'esponente di Forza Italia, dopo la diffusione del documento nel quale si dichiarava l'impossibilità di conferire la cittadinanza onoraria ai due "figli delle stelle", torna sull'argomento e propone di darlo "alle famiglie dei due giovani agenti"

"Confido che vengano proposti eventuali correttivi o deroghe, rilevato che la mozione chiedeva di avviare le procedure volte al conferimento, da parte del Consiglio comunale, della cittadinanza onoraria agli agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego”. A voler fare chiarezza sul documento con cui il Direttore generale del Comune di Trieste sosteneva l'impossibilità di conferire la cittadinanza ai due "figli delle stelle" perché "non più in vita“, è stato il forzista Michele Babuder. 

Il rammarico iniziale, poi la "soluzione"

A distanza di pochi giorni dai tragici fatti di Trieste e in aggiunta alla straordinaria risposta di partecipazione della città il giorno successivo al duplice omicidio, era stato lo stesso Babuder a chiedere il conferimento della cittadinanza a Matteo Demenego e Pierluigi Rotta ottenendo, da parte del Consiglio comunale, l'approvazione unanime. In merito alla vicenda resa pubblica oggi pomeriggio, Babuder si è detto "rammaricato" per "per l’immediata diffusione di temi che meritano, a mio avviso, la massima sensibilità". 

Il documento pubblicato sull'albo pretorio del Comune

Oggi pomeriggio era apparsa sull'albo pretorio del Comune di Trieste la risposta a firma di Santi Terranova che, citando l'articolo 72 del Regolamento consiliare, chiedeva di dare comunicazione a tutti i firmatari della mozione approvata lo scorso 14 ottobre, che "gli agenti della Polizia di Stato [...] verranno ricordati con iniziative da definire, nell'anniversario del tragico evento, in quanto, ad avviso dello scrivente, non è possibile il conferimento della cittadinanza onoraria a persone fisiche non più in vita".

"Nessun impedimento"

Intervenuto sull'argomento, l'esponente di Forza Italia ha voluto puntualizzare il fatto che "il Regolamento per la concessione della cittadinanza onoraria e delle civiche benemerenze prevede che le stesse possano essere concesse per importanti motivazioni di particolare valenza per la città. Non ravviso nel Regolamento in parola alcun espresso impedimento al conferimento della cittadinanza onoraria “post mortem”, seppur non specificatamente disciplinata". Babuder spiega altresì che nell'occasione della votazione in aula tutto il Consiglio aveva "interpretato il profondo sentimento manifestato dalla collettività cittadina". 

Per Babuder, una soluzione potrebbe essere rappresentata dal conferimento del titolo "alle famiglie dei due giovani agenti, al di là di ogni meritoria e senz’altro apprezzata ulteriore iniziativa che vorrà ricordarli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Babuder su "stop" a cittadinanza per Rotta e Demenego: "Confido in una deroga"

TriestePrima è in caricamento