"Rubate oche per quasi 1000 euro", la disperazione di un triestino

A denunciare il fatto è Tiziano Milic che nella notte tra mercoledì e giovedì afferma di "aver subito il furto di sei esemplari di oche del Danubio. Ero molto affezionato a loro". La denuncia ai Carabinieri "Ormai mi hanno rubato tutto, loro erano le uniche superstiti"

Foto per gentile concessione di Germano Ghetti

“Mi hanno rubato sei oche del Danubio all'interno del recinto della mia campagna in via di Peco 12 a Borgo San Sergio". A denunciare la scomparsa dei sei esemplari è il triestino Tiziano Milic. Il furto sarebbe avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì e, presumibilmente, le oche sarebbero state caricate a bordo di una autovettura che si sarebbe appostata non lontano dalla campagna. 

Il "blitz"

"Posso immaginare che siano venuti proprio di notte - ha affermato Milic, raggiunto al telefono - e che abbiano posteggiato in una piazzola vicina alla mia campagna. Due terreni sopra il mio infatti, in una zona tra i rovi, c'è una specie di varco tra gli arbusti dove ho trovato tre piume delle mie oche. È  come se avessero posteggiato lì e, dopo averle rubate, fossero tornati nella piazzola e le avessero caricate a bordo dell'automobile". Le oche del Danubio in Italia sono all'incirca "400 e saranno una cinquantina di persone ad allevarle" ha spiegato Milic. 

"Valgono 150 euro l'una" 

"Ero molto affezionato a loro. Tre le avevo prese circa cinque anni fa a Modena e altre tre erano nate nella mia campagna" ha continuato Milic. "Valgono circa 150 euro l'una e non riesco a capire chi le possa aver prese, visto che sono solamente "ornamentali", non si mangiano". Le oche del Danubio sono grandi e alte circa un metro, evidentemente non è una specie che passa inosservata. "Ho sporto immediatamente denuncia ai Carabinieri di Borgo San Sergio". Le oche del Danubio (chiamate anche Lockegans) possiedono un mantello di colore bianco, arruffato, con piume lunghe e spiralizzate, in particolare sul dorso e sul petto. L'occhio è blu scuro e circondato da una membrana di colore rosso. Su internet si trovano le informazioni di alcuni allevamenti presenti sul territorio nazionale. In Friuli Venezia Giulia secondo il sito Agraria.org, le oche del Danubio si possono trovare presso l'Azienda Agricola La finestra sul cortile, in provincia di Udine nel comune di Lauco. 

I precedenti 

Non è la prima volta che Milic subisce un furto di animali dalla sua campagna. "Quattro mesi fa circa mi è stata sottratta anche una coppia di oche canadesi e qualche anno fa invece a sparire nel nulla erano stati tre cavalli e un asino, che pascolavano sull'altura vicina alla Grandi Motori". Secondo Milic "chi le ruba poi le rivende subito, sicuramente non finiscono nel piatto". Dopo il furto, sempre secondo Milic "i ladri hanno pure chiuso il recinto". Nella campagna non ci sono sistemi di allarme, c'è solamente un cane che oltre ad abbaiare non può fare molto altro. 

La ricompensa di 500 euro

"Offro 500 euro a chiunque le ritrovi o, nel caso le vedesse, a chiunque mi aiuti ad entrare in possesso di informazioni". Per quanto riguarda le segnalazioni, il signor Milic ha chiesto di contattare Trieste Prima, direttamente tramita la pagina facebook. "Non ho più niente nella campagna, mi hanno rubato tutto. Le oche - ha concluso Milic - erano le uniche superstiti". 

Potrebbe interessarti

  • I benefici del latte di mandorla. Gli usi, le proprietà e le controindicazioni

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Manutenzione forno, ecco 4 rimedi eco-friendly per una massima igiene

  • Come lucidare l'argento, ecco 6 rimedi naturali super efficaci

I più letti della settimana

  • Trovato morto il terzo disperso nel crollo della palazzina a Gorizia (FOTO)

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

  • I benefici del latte di mandorla. Gli usi, le proprietà e le controindicazioni

  • Rintracciati 40 migranti a Gorizia, SAP: "Bene minaccia sospensione Schengen"

  • A torso nudo con cappello da cowboy molesta le passanti

  • Incidente in corso Italia: una donna all'ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento