Venerdì, 19 Luglio 2024
Dopo i presunti maltrattamenti / Barriera Nuova - Città Nuova / Foro Ulpiano

Caso pasticceria Saint Honorè: si avvicina la sentenza per il titolare Mosenich

L’imprenditore è stato accusato di svariati reati nei confronti dei suoi ex dipendenti, tra cui maltrattamenti, minacce e lesioni personali. La discussione, con possibile sentenza, è fissata a inizio luglio

TRIESTE - Fissata per i primi di luglio la prossima (e probabilmente decisiva) udienza del processo a Roberto Mosenich, ex titolare della pasticceria Saint Honoré di Opicina. La data è stata decisa nell’udienza odierna, in cui sono stati sentiti in tribunale davanti al giudice Giorgio Nicoli i testi dell’avvocato difensore, Laura Luzzatto Guerrini, e l’imputato stesso.

Le indagini sono state coordinate e chiuse nel 2019 dal Pm Maddalena Chergia, e nel gennaio dello stesso anno il gip Guido Patriarchi ha disposto nei confronti dell’imprenditore la misura cautelare degli arresti domiciliari, ora conclusa. Mosenich è stato accusato di svariati reati nei confronti dei suoi ex dipendenti, tra cui maltrattamenti, minacce e lesioni personali. Alcune lavoratrici hanno riferito anche avances indesiderate e palpeggiamenti.

Accuse respinte dallo stesso Mosenich, secondo il quale i dipendenti si sarebbero “messi d’accordo” con “dichiarazioni tutte uguali, come un copia - incolla”, parlando di una possibile volontà di “indebolire l’azienda”. Inoltre alcune delle persone assunte, secondo l’ex titolare, si sarebbero “comportate bene nel periodo di prova”, per poi “mettersi in malattia per mesi poco dopo l’assunzione a tempo indeterminato”.

Nella prossima udienza ci sarà la discussione e, se non ci saranno rinvii per repliche o impedimenti, si andrà probabilmente a sentenza. La pasticceria Saint Honoré, prima della chiusura in seguito alle vicende giudiziarie, aveva ricevuto il riconoscimento di due torte da parte della rivista Gambero Rosso ed era considerata una delle migliori del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso pasticceria Saint Honorè: si avvicina la sentenza per il titolare Mosenich
TriestePrima è in caricamento