rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Salute mentale, i sindacati: "Ok mantenere quattro centri ma manca personale"

Lo dichiarano gli esponenti delle organizzazioni sindacali del settore Fabio Pototschnig (FIALS), Francesca Fratianni (Cgil FP), Giorgio Iurkic e Romina Dazzara (Cisl FP). I sindacati hanno già chiesto un incontro alla direzione del Dipartimento di salute mentale

"Fials, Cgil FP e Cisl FP hanno accolto positivamente la notizia del mantenimento degli attuali 4 centri di salute mentale, ma contestualmente chiedono un adeguamento degli organici, al fine di garantire ai cittadini un servizio ottimale senza chiedere agli operatori stravolgimenti dei turni di lavoro o per garantirli far ricorso ad attività aggiuntiva". Lo dichiarano gli esponenti delle organizzazioni sindacali del settore Fabio Pototschnig (FIALS), Francesca Fratianni (Cgil FP), Giorgio Iurkic e Romina Dazzara (Cisl FP). I sindacati hanno già chiesto un incontro alla direzione del Dipartimento di salute mentale proprio per affrontare le problematiche legate alla situazione degli organici che necessitano di un immissione di nuovo personale.
"Nel frattempo - continua il comunicato congiunto - dalle dichiarazioni emerge che da lunedì 10 gennaio 2022 verrà riattivato il turno sulle 24 al CSM di Barcola, ma questo avverrà senza un confronto sindacale e sembra che anche in altri Centri verranno cambiati gli orari e la tipologia dei turni di lavoro. Gli operatori segnalano anche difficoltà a garantire le reperibilità a causa del numero esiguo degli operatori. Per questi motivi le OO.SS. Fials, Cgil FP, Cisl FP chiedono alla Direzione dell'ASUGI un incontro per dirimere tali problematiche prima di costringere il personale, già messo a dura prova da due anni di pandemia, ad ulteriori sacrifici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute mentale, i sindacati: "Ok mantenere quattro centri ma manca personale"

TriestePrima è in caricamento