Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Accoltellamento di San Giusto: arrestato un 21enne, è accusato di tentato omicidio

Il giovane è di origini dominicane, ha precedenti penali ed è stato arrestato dagli investigatori della Squadra Mobile della questura di Trieste nel pomeriggio di ieri 24 agosto

Ha 21 anni, è di nazionalità dominicana e nel pomeriggio di ieri 24 agosto è finito in carcere a Trieste per aver accoltellato due giovani lo scorso 27 giugno nei pressi del colle di San Giusto. Gli investigatori della Squadra Mobile della questura di Trieste l'hanno arrestato mentre si trovava all'interno dell'abitazione di un amico. G.R.L. (queste le iniziali), già gravato da una lunga lista di precedenti penali per violenze famigliari, oltre che risse e resistenza a pubblico ufficiale, dovrà ora rispondere della grave accusa di tentato omicidio aggravato, porto d'armi ed oggetti atti ad offendere e lesioni personali in concorso con altri. 

Sangue sul colle di San Giusto, i fatti di fine giugno

Dopo aver raccolto le testimonianze dirette da parte delle vittime, le indagini dirette dalla Procura della Repubblica giuliana si sono concentrate su numerosi accertamenti ottenuti grazie ad altri testimoni presenti sul colle di San Giusto. All'origine del fatto di sangue ci sarebbe, come sostenuto dalla nota degli investigatori, "un pretesto" con cui un gruppo di giovani sudamericani avrebbe provocato gli altri due ragazzi (uno di nazionalità italiana e l'altro di origini serbe). "All’iniziale scambio di battute - così la questura - era seguita l’aggressione fisica con calci e pugni perpetrata a più riprese dal gruppo dei dominicani. Ma non solo, all’improvviso, il ventunenne estraeva un coltello, successivamente rinvenuto nei pressi di una aiuola lì presente, con il quale attingeva con alcuni fendenti due giovani al torace".

Il ricovero, le indagini e il carcere

Sul posto era immediatamente intervenuto un equipaggio della Squadra Volante, assieme ai sanitari del 118 che avevano trasportato i due giovani feriti all'ospedale di Cattinara. Il primo era stato dimesso poco dopo, mentre l'altro era stato ricoverato in terapia intensiva a causa di una "ferita penetrante alla parte destra del petto con conseguente pneumotorace, nonché un trauma cranico con frattura al seno frontale". Da qui la denuncia fatta anche agli organi di informazione locali nei giorni successivi l'inizio delle indagini e la finale ricostruzione dell'accoltellamento. Il pubblico ministero titolare del fascicolo è la dottoressa Maddalena Chergia e ha richiesto, al G.I.P. Luigi Dainotti, l'emissione della custodia cautelare in carcere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltellamento di San Giusto: arrestato un 21enne, è accusato di tentato omicidio

TriestePrima è in caricamento