Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

La bambina scomparsa in Carso non è mai esistita, interrotte le ricerche

In un primo momento si era parlato della presenza dei genitori di origine indiana. La vicenda sarebbe ben diversa: sei cittadini pakistani avrebbero reso delle false dichiarazioni per tentare di alleviare la loro posizione

Le ricerche della bambina di sei anni dispersa nella zona di San Servolo e a ridosso del confine con l'Italia sono state interrotte perché la ragazzina non è mai esistita. Secondo la polizia slovena, i sei migranti di nazionalità pakistana si sarebbero inventati la storia con il presunto obiettivo di alleviare la loro posizione. In un primo momento erano iniziate a circolare voci di una coppia di genitori indiani disperata per aver perso la figlia, notizia poi rivelatasi infondata, come quella che avrebbe visto la stessa coppia indicare alla bimba la via per raggiungere l'Italia.

Fin dal rintraccio in territorio sloveno e stante le dichiarazioni rese dal gruppo, la polizia d'oltre confine aveva avvisato quella italiana, così da poter mettere in moto la macchina dei soccorsi. Sul posto sono giunte le squadre del Soccorso Alpino di Trieste, la Polizia di Frontiera, i Vigili del fuoco e l'elicottero impegnato nelle ricerche dall'alto. Stando sempre alle comunicazioni della polizia slovena e confermate dalla polizia italiana, le dichiarazioni dei sei migranti si sarebbero sgonfiate ora dopo ora, portando infine alla decisione di interrompere le ricerche. Le posizioni dei sei migranti sono al vaglio della polizia slovena. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La bambina scomparsa in Carso non è mai esistita, interrotte le ricerche

TriestePrima è in caricamento