menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, denuncia dei sindacati: «Nessun confronto sul nuovo Piano dell’emergenza»

A denunciarlo sono le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil: «Non si è trattato di una semplice svista o dimenticanza: quella di escludere i sindacati dalla discussione sul provvedimento è stata una scelta deliberata»

Nessun confronto sul nuovo Piano dell’emergenza varato dalla Giunta e ora atteso al vaglio del Consiglio regionale. A denunciarlo sono le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, con i responsabili della Sanità Orietta Olivo, Luciano Bordin e Tiziana Spessot, dopo la mancata convocazione dei sindacati all’audizione di questa settimana davanti alla Terza Commissione.

«Non si è trattato – dichiarano i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil – di una semplice svista o dimenticanza: quella di escludere i sindacati dalla discussione sul provvedimento è stata una scelta deliberata, sulla quale non si tornerà indietro neanche dopo la richiesta ufficiale di uno dei Commissari stessi alla Presidenza della Commissione, dal momento che pare manchino i tempi tecnici prima del passaggio in aula».

Uno sgarbo che i sindacati non hanno digerito, e non soltanto per questioni di merito. «Quanto è accaduto – spiegano ancora Olivo, Bordin e Spessot – è in aperta contraddizione con quella disponibilità al confronto che erastata manifestata dall’assessore in risposta alle numerose critiche sollevate non soltanto dai partiti di opposizione, ma anche dai territori, dagli addetti ai lavori e dallo stesso sindacato. Non un semplice sgarbo, quindi, ma una mancanza di discussione e di trasparenza che rafforza i timori di un provvedimento calato dall’alto e di una scarsa volontà di ascoltare voci potenzialmente dissenzienti ».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento