menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, le visite mediche si potranno prenotare direttamente da casa

È stato presentato il nuovo servizio di prenotazione on line, primo in Italia, che permette ai cittadini di prenotare, direttamente sul sito della Regione, le prestazioni sanitarie dei servizi ambulatoriali, prescritte dal medico,con ricetta rossa o elettronica contenente una prestazione di priorità P 

È stato presentato , nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia a Udine, il nuovo servizio di prenotazione on line, primo in Italia, che permette ai cittadini di prenotare, direttamente sul sito istituzionale della Regione (nell'area Salute Sociale) o dall'home page delle Aziende per l'Assistenza Sanitaria (AAS), le prestazioni sanitarie dei servizi ambulatoriali, prescritte dal medico,con ricetta rossa o elettronica contenente una prestazione di priorità P (ovvero Programmata) e, contestualmente, offre la visione complessiva dei tempi d'attesa in tutte le strutture pubbliche e private convenzionate del Friuli Venezia Giulia.

A illustrarlo, in conferenza stampa, sono intervenuti accanto all'assessore regionale alla Salute e alle Politiche sociali Maria Sandra Telesca, il direttore centrale Salute Adriano Marcolongo, il presidente e il direttore generale di Insiel S.p.A. rispettivamente Simone Puksic e Maria Grazia Filippini.

«È un altro passo avanti, espletato nell'ottica di dotare la regione di una Sanità digitale, in linea con quanto indicato nella Riforma della Sanità regionale che punta a migliorare comunicazione, informazione, trasparenza e vuole rendere più fruibili i servizi al cittadino», ha esordito Telesca.

«L'utente può ora prenotare visite specialistiche ed esami diagnostici on line, comodamente da casa, dal proprio computer o dal tablet - ha proseguito - e ha la visualizzazione complessiva dei tempi d'attesa. In questo modo può anche verificare e segnalare eventuali disguidi, evidenziando le criticità, consentendoci di intervenire».

Resta sempre valida la prenotazione tramite Call Center unico regionale, attraverso le farmacie della regione abilitate e agli sportelli del Centro Unico di Prenotazione (CUP) delle AAS del Sistema Sanitario Regionale (SSR) "perché vogliamo dare al cittadino la più ampia possibilità di scelta" ha affermato l'assessore.

Marcolongo ha sottolineato, in particolare, l'aspetto organizzativo: "con questo sistema abbiamo standardizzato l'offerta delle prestazioni e il metodo di lavoro di migliaia di persone garantendo, attraverso gli strumenti informatici, la qualità e l'uniformità sull'intero territorio regionale".

Il servizio è attivo per tutti i possessori di tessera sanitaria del Friuli Venezia Giulia e, attualmente, come è stato spiegato, sono prenotabili 21 prime visite con priorità P in 395 sedi di erogazione, 20 prestazioni fra cui ecografie, risonanze magnetiche, elettrocardiogrammi in 508 sedi di erogazione con visibilità su tutta l'offerta regionale, comprese le strutture private accreditate con garanzia che il tempo proposto sia lo stesso prenotando tramite procedura on line, Call Center, CUP aziendali e farmacie.

Gli esami da prenotare sono contraddistinti da un bottone verde con la dicitura prenota, presente accanto al nome della struttura che eroga la prestazione prescelta: è sufficiente inserire, seguendo le indicazioni, il codice fiscale, scegliere data e ora, aggiungere i dati identificativi, prenotare e ritirare il promemoria.

A breve è previsto un aumento delle prestazioni prenotabili e la possibilità di annullare l'appuntamento. Sul sito sono indicati, inoltre, i tempi medi di attesa per l'erogazione di una determinata prestazione sanitaria nelle strutture della regione con una richiesta di tipo P e vi è la possibilità di consegna on line del referto entro 45 giorni dalla disponibilità dello stesso dopo il pagamento del ticket. Questa possibilità è stata attivata, per ora, solo per l'Azienda Ospedaliero-Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine che, nel mese di ottobre, ha visto la consegna di 537 referti delle prestazioni di laboratorio.

L'assessore ha indicato che, dopo Udine, il servizio nei prossimi mesi sarà reso disponibile su tutto il territorio e come il 2016 potrà essere l'anno che «vedrà la realizzazione di una Sanità regionale completa anche del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)».

Puksic ha ribadito come si tratti di un risultato importante che dimostra l'attenzione, sempre più puntuale, da parte della Regione al cittadino, offrendo servizi innovativi ma semplici da fruire. «Siamo il partner per costruire un percorso sempre più vicino al cittadino. Ciò che è stato presentato oggi - ha continuato - ha visto Insiel S.p.A. in qualità di partnertecnologico della Regione in un percorso di continuo miglioramento dei servizi».

Posizione confermata da Filippini che ha sottolineato come «lo sforzo quotidiano di Insiel S.p.A., come Società di servizi, è quello di comprendere il fabbisogno reale, attraverso ciò che viene rappresentato dall'assessorato alla Sanità, e abilitare le migliori soluzioni a favore del cittadino in modo che possa fruire quello che viene messo a disposizione in un tempo breve, con una facilità d'uso e in linea anche con la suite di servizi che verranno ulteriormente costruiti».


Telesca ha concluso, infine, evidenziando di essere soddisfatta «per questo ulteriore progresso organizzativo in linea con la legge di Riforma della Sanità regionale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

social

Come cucinare una carbonara perfetta: la ricetta originale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento