menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, Telesca: «Ad ottobre l'apertura del centro assistenza primaria a Grado»

Lo ha confermato l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca che ha compiuto un sopralluogo ai nuovi ambulatori, ormai completati e attrezzati

Ai primi giorni di ottobre a Grado (GO), nella sede del Distretto sanitario, sarà operativo un Centro di Assistenza Primaria (CAP), così come previsto dalla legge regionale di riordino della Sanità in Friuli Venezia Giulia. Vi lavoreranno cinque medici di Medicina generale, un pediatra di libera scelta, un infermiere. 

Lo ha confermato l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca che, accompagnata dal direttore generale dell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria (AAS) n. 2 Bassa Friulana - Isontina Giovanni Pilati, ha compiuto un sopralluogo ai nuovi ambulatori, ormai completati e attrezzati.

Gli studi dei medici di famiglia, articolati in un lavoro di gruppo, rimarranno aperti da lunedì a venerdì per 12 ore al giorno. Dopo di che, la notte e nelle giornate festive, subentreranno i medici della continuità assistenziale, dunque con una copertura 24 ore su 24.

Ricordando che, oltre al CAP di Grado, nell'ambito del territorio di competenza dell'Azienda ne sono previsti anche a Cormons (entro il corrente anno), a Palmanova e Monfalcone nel 2017 e, in prospettiva, anche a Gorizia, Cervignano del Friuli, Gradisca, San Giorgio di Nogaro e Latisana, Telesca ha messo in risalto l'importanza di dar vita a questo modello organizzativo in un contesto distrettuale.

«Il CAP - spiega - si troverà a operare in stretto contatto con tutti i servizi che già ci sono nel Distretto», ovvero con gli specialisti (Cardiologia, Fisiatria con annessa palestra, Ginecologia, Otorinolaringoiatria, Oculistica), le prestazioni materno-infantili (tutto quanto precede e segue il momento del parto), il consultorio familiare, i servizi per le tossicodipendenze, nonché il laboratorio di analisi e l'Ecografia. Non solo. A Grado è attivo anche un punto di primo intervento, che nella stagione estiva è aperto sulle 24 ore, vi è la presenza della Guardia medica turistica e vi sono, fisse, due ambulanze (una d'inverno)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


«La scelta - osserva Telesca - ricade pienamente nella nuova visione della Sanità introdotta dalla legge regionale di riordino, finalizzata a garantire una presa in carico integrata di ogni paziente e una continuità delle cure. Perché le persone malate e le loro famiglie trovino sempre una risposta ai loro bisogni».

In sostanza tutti i diversi professionisti, operando fisicamente nello stesso luogo, potranno attivare le migliori sinergie possibili. «Migliorerà il dialogo tra medico di famiglia e specialisti, così come con gli infermieri che controllano le malattie croniche. Insomma un servizio continuo così come richiesto da una sanità moderna, che mette al centro dell'organizzazione la persona, con le sue esigenze».

Tuttavia, rileva ancora Telesca, che oggi ha anche visitato gli stabilimenti termali dell'Isola del Sole, «la salute non può essere costituita solo da ospedali e distretti, ma è sempre più legata da un lato alla prevenzione e alla riabilitazione, dall'altro al concetto di ben-essere. In questo le prestazioni termali possono fare la differenza».

«Per stare bene non basta saper curare una patologia ma occorre anche prevenire e disporre di un'ampia gamma di servizi riabilitativi», sottolinea l'assessore. E in quest'ottica Grado occupa uno spazio importante non solo sotto il profilo turistico ma anche nel panorama della Sanità regionale, per il gran numero di prestazioni offerte da questo Centro termale, destinato nei prossimi anni a rinnovarsi profondamente.

«Grado, e con essa l'altro stabilimento termale pubblico di Arta terme, e quello privato di Monfalcone, ci danno l'opportunità di focalizzare l'attenzione non esclusivamente su ospedali e pronto soccorso, in quanto oggi per stare bene una gran fetta di persone deve guardare alla prevenzione, ovvero a stili di vita sani, che la Regione favorisce a ogni livello, nonché a quei servizi di riabilitazione che spesso ancora i cittadini fanno fatica a trovar»e.

Da qui, come emerso nella visita alle Terme, dove l'assessore è stata accolta dai vertici della Grado Impianti Turistici / GIT (con il presidente Alessandro Lovato, l'amministratore delegato Mauro Bigot e il direttore Sergio Schiavi) e dal direttore sanitario Massimo Mascolo, l'importante investimento per dare a Grado, nei prossimi anni, un nuovo stabilimento termale, destinato anche a ridurre se non annullare il fenomeno di turismo termale  di quei cittadini che cercano in altre realtà quanto oggi ancora non sempre trovano per tutti e dodici i mesi all'anno in Friuli Venezia Giulia.

Nella visita a Grado l'assessore oggi è stata accompagnata dal capo di Gabinetto della Presidenza della Regione, Agostino Maio.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

  • Cronaca

    Ruba 170 euro di vestiti all'Ovs: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento