Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Sindacato di Polizia, Sap: «Gli 80 euro verranno stabilizzati in busta paga»

Il Sap, sindacato autonomo di Polizia, sulla stabilizzazione in busta paga di 80 euro per gli agenti di polizia

In una nota stampa, il Sap, Sindacato autonomo di polizia, sulla stabilizzazione di 80 euro in busta paga per gli agenti di polizia con contratto bloccato dal 2009: «Questo è il primo effetto dopo la fiaccolata “Una luce per la sicurezza” organizzata dal Sap davanti Montecitorio a Roma, mercoledì scorso. Dopo due anni di continue denunce, dopo la grande manifestazione in piazza del 15 ottobre del 2015, sempre a Roma, con la presenza numerosa del Sap del capoluogo giuliano, dopo la protesta a Pontassieve il 3 dicembre dello scorso anno, lo sciopero della fame di 61 giorni del Segretario Generale Gianni Tonelli ed il suo tour in tutte le città d'Italia per incontrare la società civile, iniziano ad intravedersi i primi effetti».

«Non può considerarsi un obiettivo raggiunto perché il netto medio è di 32 euro e non può essere considerato un vero e proprio rinnovo del contratto di lavoro, che ricordiamo è illegittimamente bloccato al 2009 come sentenziato dalla Corte Costituzionale. Se il Governo poi, come annunciato, stanzierà nella legge di stabilità solo 900 milioni di euro per il pubblico impiego (circa 3 milioni e 200 mila dipendenti pubblici) l’aumento sarà di circa 15 euro medi: un risultato del tutto insoddisfacente».

«Una cosa è certa: il Sap continuerà a tenere “accesa una luce sulla sicurezza” per contrastare la “rottamazione” in atto nei confronti della Polizia di Stato e del Comparto Sicurezza che sta mettendo a rischio la vita degli uomini in divisa e la sicurezza stessa dei cittadini. Oltre che a stipendi dignitosi servono anche risorse per dotazioni, mezzi, nuove assunzioni e lo stop alla chiusura di oltre 300 presidi di sicurezza tra cui quello prossimo della squadra nautica di Trieste».

«Le gravi condizioni di alcune strutture come ad esempio la Scuola Allievi Agenti o il Commissariato di Opicina che con la carenza di personale è stato ridotto ai minimi termini (mentre si pubblicizza le pattuglie ciclo-montate proprio su quel territorio… ma con quali uomini?) rendendolo fortemente depotenziato con il rischio di renderlo del tutto inerte come quello di Rozzol-Melara, la dicono lunga su quale sia lo stato di salute della Polizia di Stato, anche a Trieste». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacato di Polizia, Sap: «Gli 80 euro verranno stabilizzati in busta paga»

TriestePrima è in caricamento