Scatta il delivery e vinci: nasce la campagna a sostegno dei ristoratori

Ideatrice dell'iniziativa "Le vie delle Foto". Per partecipare basterà scattare il cibo ordinato a domicilio, postarlo con l'hashtag #mangiobeneanchedacasa e in seguito inviarlo alla mail dell'organizzazione.

Una Call to Action fotografica per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza, in questo particolare momento, di ordinare cibo per asporto. Con una sola, semplice richiesta: scattare una foto e/o farsi fotografare con il cibo consegnato a domicilio per sostenere gli esercizi pubblici in questa ulteriore fase di grave difficoltà dovuta alle restrizioni legate all'emergenza sanitaria. Una sorta di contest di food photography in cui però a vincere sono tutti i partecipanti. A lanciarlo, forte della propria ultradecennale esperienza nel settore della comunicazione e imprenditoria locale e grazie alla fitta rete di contatti avviata, è la nota organizzazione de Le Vie delle Foto, sempre in prima linea nei momenti di difficoltà del territorio.

Come partecipare

L'invito rivolto alla cittadinanza è a realizzare scatti, anche selfie, con il cibo ordinato dai ristoranti tramite il servizio di delivery e postarle utilizzando l'hashtag #mangiobeneanchedacasa. Si può mangiare bene infatti anche ordinando il cibo da casa ai propri ristoranti, pizzerie, pub e locali preferiti. Per partecipare e ricevere il premio basta inviare poi la propria fotografia a leviedellefoto@gmail.com. A breve sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/Leviedellefoto/ verrà diffusa una lista di ristoranti e locali che si occupano di delivery per agevolare gli ordini a domicilio.

Il messaggio

Nell'immagine scelta per accompagnare la campagna, assieme allo slogan "Scatta il delivery", compare la sala di un ristorante desolatamente vuota con un messaggio forte: "Metti bene a fuoco, domani questo problema potrebbe essere tuo". " E' importante sensibilizzare l'opinione pubblica sull'utilizzo del delivery della ristorazione in questo particolare e delicato momento  - spiega Linda Simeone, imprenditrice triestina e ideatrice della kermesse fotografica Le vie delle foto - per sostenere le aziende di un comparto che già si trovava in seria difficoltà in seguito alla precedente serrata".

I premi

I premi sono quelli offerti dai partner storici de Le vie delle Foto, ma chi volesse ancora unirsi a questa grande campagna di solidarietà può contattare l'organizzazione (per informazioni leviedellefoto@gmail.com). Hanno già aderito SPEEDGlass Trieste, Trieste A Domicilio, la rivista QB Quantobasta, Double Tree by Hilton Trieste, Eppinger, Finzi Carta, Tacamaco, Cherin Foto, Bf Lab e tante altre realtà del territorio, ma chi volesse ancora aggiungersi è il benvenuto.

Non solo delivery

Le Vie delle foto aveva già deciso di attivarsi a marzo per contribuire a sostenere le attività commerciali e gli esercizi pubblici chiamati a fronteggiare il particolare momento offrendo il proprio supporto alle aziende attraverso una serie di strumenti per incentivare la vendita online, il servizio per asporto e le consegne a domicilio, accompagnandoli in tutte le fasi della temporanea riconversione. Nell'ambito della campagna "#Triestefotografica", i fotografi professionisti (e non) erano stati invitati a condividere le fotografie di Trieste con l'hashtag #Triestefotografica e diffonderle sia su Facebook che su Instagram. I loro scatti sono stati raccolti, catalogati e donati a uso promozionale a tutti i titolari di alberghi e siti turistici per veicolare la promozione del turismo a Trieste in modo da poter sostenere la categoria.

Call to Action (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

  • Coronavirus in Fvg: sfiorati i 1200 contagi in un giorno solo

  • Covid in Fvg: quasi 800 nuovi casi e 11 decessi ma i guariti di oggi sono 430

Torna su
TriestePrima è in caricamento