rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Il festival di fantascienza in presenza e con ospiti d'eccezione, torna il Science+Fiction

Si parte il 27 ottobre al Politeama Rossetti. L'altra sala è quella del cinema Ariston. Proiezioni anche online per seguire da remoto la rassegna. Ospite Sabina Guzzanti, con il suo romanzo distopico “2119. La disfatta dei sapiens”. Nell'articolo tutte le informazioni utili

Si è tenuta questa mattina a Trieste la conferenza stampa della 21° edizione di Trieste Science+Fiction Festival, la più importante manifestazione italiana dedicata alla fantascienza che sì inaugurerà mercoledì 27 ottobre e proseguirà fino a mercoledì 3 novembre. Quest’anno il festival si svolgerà con una modalità di partecipazione ibrida. La rassegna sarà sia online che dal vivo. In presenza il pubblico potrà usufruire delle sale del Politeama Rossetti e del Cinema Ariston. Sul web invece sarà la Sala Web di SciFiClub, la piattaforma streaming permanente curata dal Science+Fiction su MYmovies e sito leader in Italia nell’informazione cinematografica a recitare la parte del teatro digitale. 

Tutte le informazioni dell'edizione 2021

Sabina Guzzanti ospite d'eccezione

Alla conferenza sono intervenuti Daniele Terzoli, direttore del Festival, Massimiliano Maltoni, responsabile della programmazione del festival e Raffaella Canci, responsabile dell'Education Program. Durante la conferenza è stata annunciata la partecipazione della regista, sceneggiatrice e attrice Sabina Guzzanti (membro della giuria del Premio Asteroide), che presenterà il suo romanzo d’esordio “2119. La disfatta dei sapiens” al pubblico del festival domenica 31 ottobre alle 17.30 presso il Cinema Ariston. Un romanzo che guarda alla grande letteratura distopica classica (da 1984 a Farenheit 451) e affronta temi di straordinaria modernità, quali il mutamento climatico, la concentrazione della ricchezza, la dipendenza dalla tecnologia: un debutto letterario ironico, visionario e appassionante, in grado di cogliere questioni fondamentali e far riflettere.

Si parte il 27 ottobre con "The Last Journey"

La serata di inaugurazione del Festival si terrà mercoledì 27 ottobre alle 20.00 al Politeama Rossetti: dopo la cerimonia inaugurale, verrà proiettato in anteprima italiana il film di apertura della 21° edizione, “The Last Journey” di Romain Quirot con Jean Reno, opera francese di fantascienza che affronta importanti tematiche ambientali. Alle 22.30 la serata proseguirà con l’anteprima di “Night Raiders” di Danis Goulet con Amanda Plummer, disponibile anche sulla piattaforma streaming SciFiClub su MYmovies: un dramma distopico al femminile che parla di resilienza, coraggio e amore. Organizzato da La Cappella Underground, il Trieste Science+Fiction porta nel capoluogo giuliano e per il secondo anno consecutivo anche sul web le migliori produzioni di genere fantastico, con oltre 40 anteprime cinematografiche mondiali, internazionali e nazionali tra film, corti e documentari e tre concorsi principali: il Premio Asteroide e i due concorsi Méliès d’argent della MIFF, la federazione europea Méliès dei festival di cinema fantastico (Méliès International Festivals Federation). La sezione Spazio Italia, infine, raccoglie il meglio dell’underground del cinema fantastico italiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il festival di fantascienza in presenza e con ospiti d'eccezione, torna il Science+Fiction

TriestePrima è in caricamento