Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Sciopero al " piccolo " non sara' in Edicola domenica. Le Ragioni del Comitato di Redazione

Ecco il comunicato diffuso nei giorni scorsi dal Cdr del Piccolo, che ha indetto per domani, sabato 1 dicembre, una giornata di sciopero per impedire l'uscita del giornale domenica 2 dicembre:I giornalisti del Piccolo prendono atto e denunciano la...

Ecco il comunicato diffuso nei giorni scorsi dal Cdr del Piccolo, che ha indetto per domani, sabato 1 dicembre, una giornata di sciopero per impedire l'uscita del giornale domenica 2 dicembre:
I giornalisti del Piccolo prendono atto e denunciano la decisione dell'azienda di ridurre di un'altra unità l'organico redazionale a partire dall'1 dicembre.
Decisione presa senza lasciare alcuno spazio negoziale alle rappresentanze sindacali fornendo così ulteriore prova di come il Gruppo Finegil-Espresso interpreti le relazioni con i propri lavoratori-giornalisti.

I giornalisti del Piccolo hanno dimostrato con i fatti l'alto senso di responsabilità di fronte a un momento di crisi congiunturale e in particolare dell'editoria, avendo meno di due anni fa siglato un accordo, poi violato a luglio dall'editore con il consenso della direzione, che ha portato alla riduzione dell'organico di sei giornalisti (poi diventati sette) con un consistente risparmio da parte dell'editore.

Quell'accordo era legato a un piano che, con la trasformazione del quotidiano in tabloid, ha portato a risultati lusinghieri nel corso del 2011.

Oggi invece il blocco del turn-over ha come conseguenza un piano presentato dal direttore che prevede una riduzione strutturale di tre pagine del giornale.

Ma il fatto più grave è che l'Editore non fornisce garanzie, nemmeno nel breve termine, che tale piano di tagli (di giornalisti e pagine) possa essere sufficiente alla sua fame di spending review.

E nel caso specifico si tratta di un risparmio quasi irrilevante.

I giornalisti del Piccolo apprezzano e appoggiano il progetto di potenziare l'attività sul web ma sottolineano come il piano presentato dal direttore (e inviato a tutti i colleghi prima di un'assemblea già convocata) sia incompleto e poco chiaro nella parte che riguarda l'organizzazione quotidiana del lavoro per arricchire il sito del Piccolo.

La strategia implosiva che l'editore sta attuando da alcuni mesi lascia per sempre fuori dalla porta, senza un lavoro e senza prospettive decine di colleghi precari e collaboratori che da anni hanno dato il loro contributo alla realizzazione del giornale.

Fatto ancora più grave se si tiene conto di come oggi, nuove stabilizzazioni e assunzioni garantiscano alle imprese editoriali dei vantaggi in termini di sgravi fiscali e contributivi (per tre anni) e- per tutte le aziende - di premio annuale a fondo perduto assicurato a livello ministeriale per ogni assunzione di donne o, se uomini, under 30.

Anche in segno di solidarietà per questi colleghi viene proclamata una giornata di sciopero per l'1 dicembre.

Sarà una giornata del silenzio per ricordare come sia incivile togliere, senza un serio confronto, il futuro ai giovani (e non) e mettere a rischio quello di un giornale con oltre 130 anni di storia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero al " piccolo " non sara' in Edicola domenica. Le Ragioni del Comitato di Redazione

TriestePrima è in caricamento