Sciopero di 24 ore alla Alcatel-Lucent: rischiano 850 lavoratori

Sono 400 interinali circa, 350 a tempo indeterminato e circa 100 fanno parte dell'indotto a temere che la proprietà venda il sito di Trieste a delle multinazionali che hanno dimostrato in passato la volontà di delocalizzare la produzione

Street view dello stabilimento

Tre turni di 8 ore di sciopero per un totale di 24 ore. Per un giorno intero i dipendenti di Alcatel-Lucent Italia hanno incrociato le braccia in segno di protesta contro la proprietà che sembra intenzionata a vendere il sito di Trieste a delle multinazionali che hanno dimostrato in passato la volontà di delocalizzare la produzione.

Si tratta di 850 lavoratori (400 interinali circa, 350 a tempo indeterminato e circa 100 fanno parte dell'indotto) che rischiano il posto di lavoro, un numero davvero ingente e preoccupa le Rsu che chiedono l'intervento della Politica e vogliono sensibilizzare tutta la cittadinanza su quelle che potrebbero essere le catastrofiche conseguenze della chiusura di uno stabilimento così importante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento