menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, soddisfazione di Serracchiani: «Grazie a "Buona scuola" più occupati e migliorie»

Lo afferma la presidente della Regione Debora Serracchiani, intervenendo sugli effetti sul territorio regionale della legge, dopo approfonditi confronti con il ministero dell'Istruzione (Miur), contatti costanti con il sottosegretario Faraone e con il direttore dell'Ufficio Scolastico

"Il nuovo anno scolastico si apre con una migliore dotazione organica per quanto riguarda il personale e questo è il primo positivo riflesso dell'applicazione della 'Buona scuola' in Friuli Venezia Giulia: i dati non danno luogo a interpretazioni, fugando alcune preoccupazioni che hanno accompagnato queste prime fasi di avvio della riforma". Lo afferma la presidente della Regione Debora Serracchiani, intervenendo sugli effetti sul territorio regionale della legge, dopo approfonditi confronti con il ministero dell'Istruzione (Miur), contatti costanti con il sottosegretario Davide Faraone e, in regione, con il direttore dell'Ufficio Scolastico, Pietro Biasiol, e con le organizzazioni sindacali del comparto scuola.

"I dati registrano un miglioramento sia dal punto di vista occupazionale, con l'ampliamento del numero dei posti di lavoro e con maggiori garanzie per i dipendenti, sia dal punto di vista organizzativo, elemento essenziale per garantire un servizio efficiente agli studenti ed alle loro famiglie", sottolinea Serracchiani. Anzitutto il sistema scolastico regionale si appresta ad affrontare il nuovo anno scolastico riconfermando tutto il personale amministrativo e tecnico (Ata) presente sul territorio regionale in misura almeno pari a quello dello scorso anno (2.452 unità o più). " EXPO MILANO 2015: SERRACCHIANI, OPPORTUNITÀ CHE LA REGIONE HA SAPUTO COGLIERE-15

Un risultato questo - sottolinea il direttore scolastico regionale Biasiol - molto positivo rispetto a quanto inizialmente paventato". In merito al riordino degli enti locali, il Miur ha ottenuto alla fine di agosto il posticipo dei trasferimenti del personale delle Province, inizialmente previsto a partire da marzo 2016. A seguito di questo accordo, le nomine per il personale Ata avverranno sulla base delle graduatorie provinciali, con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno. Sui posti vacanti si potranno effettuare proroghe sino al 31 agosto. Per quel che riguarda il tema molto sentito della stabilizzazione dei precari, va ricordato che in Friuli Venezia Giulia sono stati stabilizzati circa 600 docenti.

A tutti gli altri docenti precari della regione inseriti nelle graduatorie, dopo l'esaurimento dei posti disponibili, le nuove norme di legge offrono l'opportunità di concorrere per un posto di ruolo, da ottenere fuori dalla provincia di iscrizione. "Inoltre, sono previste entro la fine dell'anno più di 1.200 altre assunzioni di docenti di ruolo", ricorda Biasiol. Vi è poi una "felice anomalia" rispetto agli anni precedenti, ossia quella relativa al personale della scuola. "Andrà a integrare il lavoro svolto dagli uffici scolastici provinciali e verrà riconfermato ufficialmente, ma, questa è la novità, anche sostituito con supplenze nelle scuole. Si tratta - commenta Biasiol - di un risultato mai ottenuto in passato". Anche gli insegnanti di sostegno aumenteranno significativamente, così che si potrà rispondere alle richieste delle famiglie e alle nuove certificazioni di disabilità. Dal punto di vista organizzativo e gestionale, verrà fortemente incrementato il Fondo di Istituto, di cui sarà noto a breve l'ammontare complessivo e che verrà erogato alle scuole entro settembre nella misura del 4/12 per il periodo settembre-dicembre 2015. "Così le scuole potranno iniziare a programmare efficacemente l'anno scolastico", conclude il direttore scolastico regionale. ARC/EP
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: calano isolamenti e ricoveri, a Trieste 167 contagi

  • Cronaca

    Vaccini: sospese le prenotazioni per gli under 60

  • Cronaca

    La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento