rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Sdemanializzazione Porto Vecchio, FareAmbiente: «Preoccupazione per destinazione d’uso»

Nota di Giorgio Cecco, responsabile regionale di FareAmbiente

«Crediamo si debba tenere alta l’attenzione sul futuro del Porto Vecchio di Trieste e sulla “sdemanializzazione” dell’area, certamente da troppi anni inutilizzata, ma resta la preoccupazione per come si intende destinarne l’uso»,  dichiara il responsabile regionale di FareAmbiente Giorgio Cecco.  

«Crediamo sia importante - continua Cecco - tener conto, di alcuni aspetti essenziali, per sposarsi con un concetto di sostenibilità: secondo noi l’unico da perseguire in una richiesta globale di razionalità economica e sviluppo ecocompatibile».

Infine il coordinatore del movimento ecologista sottolinea che «Non vorremmo che qualcuno pensasse a nuove costruzioni residenziali od a centri commerciali, tipologie dal forte impatto ambientale e, vista la situazione attuale, inutili dal punto di vista dello sviluppo economico o di servizio alla collettività, crediamo invece nella portualità allargata e auspichiamo ci possa essere spazio per l’alta tecnologia, la green economy, aree di formazione nautica e di tutela dell'habitat marino, nonché una area espositiva tematica, il tutto per abbinare attività economiche con strutture utili ai cittadini»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sdemanializzazione Porto Vecchio, FareAmbiente: «Preoccupazione per destinazione d’uso»

TriestePrima è in caricamento